(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
Castiddazzu
AddThis Social Bookmark Button

Cu’ carriò la petra e la quacina,
cu’ travagghiò pi gghisari sti mura,
facènnumi cchiù forti, d’ura in ura,
dormi, e non s’arrispigghia a la matina:

dormi, di trenta sèculi…                                        
                               O Missina,

tu intantu addivintavi gran signura!
Ma poi ti vosi ‘nterra la svintura,
mentri, cu’ potti, ti mintiu ‘ncatina. 

Lu foristeri ora cchiù non ti vanta;
l’aria libbera to’ cchiù non cci coli.
Ed oramai di tia nuddu si scanta…

Ma, addritta e fermu, supra sta muntagna,
iò cci cantu, a cu’ voli e a cu’ non voli:
Missina cc’era, e Roma era campagna.

 

Pasquale Salvatore

 

 

Castellaccio

 

Chi trasportò le pietre e la sabbia,/ chi ha lavorato per alzare le mura,/ facendomi più forte di ora in ora,/ dorme e non si sveglia la mattina:// dorme da trenta secoli.../ o Messina/ tu intanto diventavi gran signora!/ Ma poi ti ha voluto a terra la sventura,/ mentre chi ha potuto ti ha messo in catene.// Il forestiero non ti vanta più;/ l'aria libera più non si gode./ Ed ormai di te nessuno ha paura...// Ma in piedi e fermo, sopra questa montagna, io canto a chi vuole e a chi non vuole: Messina c'era e Roma era campagna.    


 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.