(03/06/18) La Processione del Vascelluzzo

              Il video del trasport...
Leggi tutto...

(01/06/18) La Festa della Madonna della Lettera a Messina

“Apud Messanenses celebris est memoria B. Virginis Mariae,...
Leggi tutto...

(24/05/18) Il ritorno della "Maniedda"

OMAGGIO ALLA STORIA DI SANTO STEFANO DI BRIGA Il “Rit...
Leggi tutto...

(24/05/18) L’acqua è di tutti e guai a chi la tocca.

di Paolo Ullo Senza dover andare lontano, basta spulcia...
Leggi tutto...
Cavaleri erranti
AddThis Social Bookmark Button

Supra d’un cavadduzzu peddi e ossa,
p’un terrenu sfasciatu pi lu scassu,
avanzu, comu pozzu, passu passu,
scuncassànnumi tuttu ad ogni scossa.


La curazza mi pisa e mi sdisossa,
ma sugnu cavaleri, e non la lassu:
pi stu puntu d’onuri restu arrassu
di chiddi chi sautaro petri e fossa.


‘Mprisi non cuntu. Cu la menti fissa
versu la Dama chi non vitti mai,
‘nta lu me scudu portu scrittu: Lissa.



Pi sangu la me’ lancia non è russa.
Ma, ‘na vota, però, cci la stricai,
a qualchi spiritusu, mussa mussa.



Pasquale Salvatore 

 

Cavalieri erranti

Sopra di un cavallino pelle e ossa,/ per un terreno sfasciato per un fosso,/ avanzo, come posso, passo passo,/ sconquassandomi tutto a ogni scossa. // La corazza mi pesa e mi disossa,/ ma sono cavaliere, e non la lascio:/ per questo punto d'onore resto addosso / di quelli che hanno saltato pietre e fossi.// Le imprese non conto. Con la mente fissa/ verso la Dama che non ho mai visto,/ nel mio scudo porto scritto: Lissa.// Di sangue la mia lancia non è rossa./ Ma, una volta, però, c'è la strofinai ,/ a qualche spiritoso, sulle labbra.      


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.