(22/02/18) Mino Licordari

Mino Licordari (1942-2016) Questa pagina è dedicata a Mi...
Leggi tutto...

(22/02/18) Maria Costa

Maria Costa nella sua casa di Case Basse Paradiso (1926-201...
Leggi tutto...

(19/02/18) Giovanni Rappazzo

Giovanni Rappazzo (Messina, 15 ottobre 1893 – Messina, ...
Leggi tutto...

(13/02/18) Storia di San Valentino

La Basilica di San Valentino a Terni - Nella teca in crista...
Leggi tutto...
Lissa
AddThis Social Bookmark Button
La lissa chi mi smancia, o amica duci,
è vermu vilinusu e senza paci.
Rùsica notti e gghiornu, e m’arriduci
vacanti, com’a certi bucalaci.
 

Strinciu li denti pi non fari vuci;
cu tantu friddu, non dumannu braci:
campu a lu scuru: non ni vogghiu luci;
vardu a cu’ vola, e iò restu ramaci.


Cc’è quannu m’addumannu: iò chi fici
pi sòffriri sta pena chi mi coci?
Pirchì non cercu d’éssiri filici?

 

Ma chì! Li ciuri li struncò la fôci
spirìu lu suli; lu celu è di pici:
sulu cc’è lissa, lissa chi mi scoci.


Pasquale Salvatore

 

Noia

La noia che mi corrode, o dolce amica,/ è verme velenoso e senza pace./ Rosicchia giorno e notte e mi riduce/ vuoto, come certe lumache.// Stringo i denti per non gridare;/ con tanto freddo non accendendo la brace:/ vivo al buio: non ne voglio luci;/ guardo chi vola e io resto incapace.// C'è quando mi domando:io cosa ho fatto / per soffrire questa pena che mi cuoce?/ Perchè non cerco di essere felice?// Ma chi! I fiori li stroncò la foce, è sparito il sole; il cielo è nero:/ solo c'è noia, noia che mi scuoce.

      

 


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.