(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
Cammarotu
AddThis Social Bookmark Button

Sti me’ ricordi vogghiu ‘ncuminciari
c’un vecchiu stranu e di sulenni aspettu:
p’i strati si vidia caminari
‘na canna in manu e supra un fazzulettu.

Quannu lu suli ‘ncelu cchiù splinnia,
‘stu vecchiu si firmava e lu vardava:
“Parru cu ttia, Suli” cci dicia…
senza calari l’occhi e raggiunava.

 

La genti c’u vidia, cummintava:
“Oh! Comu varda ‘u Suli, ranni Diu!”…
e iddu ci ridia e tistiava
comu pi’ diri: privilegiu miu! 

Quannu ‘a pipa fidili si stutava
o’ primu cristianu chi ‘mbattia
cu tutta sirità ci dumannava:
“Me’ jenniru…n’accenni in curtisia?”

Pirò si si vidia scuncicatu
mittia da parti li paroli fini
e a tutti schummigghiava lu casatu
chiamannuli figghiazzi di parrini.

 

“Mi chiamunu curnutu li curnuti,
- iddu dicia – ma prestu finirà:

vecchi, figghioli, orbi, immaruti
Cammarotu c’u suli ‘i brucirà”.

 

Leopoldo Siricio

Cammaroto (abitante di Camaro, rione di Messina)

Questi miei ricordi voglio incominciare / con un vecchio strano di aspetto solenne:/ per le strade si vedeva camminare / una canna in mano con sopra un fazzoletto. // Quando il sole non splendeva più in cielo, / questo vechio si fermava e lo guardava: / " parlo con te, Sole, gli diceva.../ senza abbassare gli occhi e ragionava. / La gente che lo vedeva, commentava:/ "Oh! Come guarda il Sole, grande Dio".../ e lui gli rideva muovendo la testa / come per dire: privilegio mio! // Quando la fedele pipa si spegneva / la prima persona che incontrava / con tutta srietà gli chiedeva:/ "Mio genero...un fiammifero per cortesia?" // Però se si vedeva importunato/ metteva da parte le fini parole / e a tutti scopriva il casato / chiamandoli figli di prete.// "Mi chiamano cornuto i cornuti,/ - lui diceva - ma presto finirà:/ vecchi, giovani, ciechi e gobbi / Cammarotu con il sole li brucerà.        

 


 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.