(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
Pidocchia ( Vincenzu Santacruci )
AddThis Social Bookmark Button

‘Sti pirsunaggi tipici spareru
Pidocchia, sulamenti ‘nni ristava
omu di gran carattiri e sinceru
c’o so’ Riuzzu mai si lu scurdava.

E lu gridava pi li quattru venti,
‘stu vecchiu, c’a certuni dava noia

cu’ gesti e cu’ paroli cummuventi:

- Viva o Re, viva ‘a Casa di Savoia. –

 

E si qualcunu ci s’avvicinava
dicennuci: “Ti dugnu milli liri”

non diri ‘sti paroli, lu bullava

c’un saccu di ‘mpruperi a non finiri.

 

“La me cuscenza iò non mi la vinnu

comu facisti vui, o parrinari

è sempri statu unu lu me innu:

Viva o Re puru a costu ‘i non manciari”.

 

Ora macari iddu ‘nni lassau
e di lu so Riuzzu si spartiu;…

‘nto regnu di la paci sinn’annau

st’omu chi ‘nta ‘stu munnu assai patiu.

 

La so’ sincerità illuminau
la fidi so chi mai iddu tradiu
e sempri la so fidi ‘u cunfurtau

fina chi ‘ncelu lu chiamau Diu.

 

Si ‘ntra li notti viditi brillari

‘na stidda chi ‘ntra tutti fa cchiù luci

la fidi è, chi non si po’ stutari,

la fidi di Vincenzu Santacruci.

 

Leopoldo Siricio

Pidocchia (Vincenzo Santacroce)

Questi personaggi tipici sono spariti / solo Pidocchia ci restava / uomo di gran carattere e sincero / che il suo Re mai dimenticava. // E lui gridava ai quattro venti, questo vecchio, che a certuni dava noia / con gesti e con parole commoventi: / Viva il Re viva Casa di Savoia.- // E se qualcuno lo avvicinava / dicendogli: "Ti do mille lire" /  non dire queste parole, lo insultava / con un sacco di improperie a non finire.// "La mia coscienza io non me la vendo / come avete fatto voi, o parrinari (da prete) / è sempre stato uno il mio inno:/ Viva il Re anche a costo di non mangiare".// Ora anche lui ci ha lasciati / e dal suo Re si è diviso;.../ nel regno della pace se ne è andato / quet'uomo che in questo mondo ha patito molto.// La sua sincerità ha illuminato / la sua fede che lui non ha mai tradito / e sempre la sua fede lo ha confortato / fino che in cielo lo ha chiamato Dio // Se nella notte vedete brillare / una stella che fra tutte fa più luce / è la fede, che non si può spegnere, la fede di Vincenzu Santacruci.

 

 

 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.