(03/06/18) La Processione del Vascelluzzo

              Il video del trasport...
Leggi tutto...

(01/06/18) La Festa della Madonna della Lettera a Messina

“Apud Messanenses celebris est memoria B. Virginis Mariae,...
Leggi tutto...

(24/05/18) Il ritorno della "Maniedda"

OMAGGIO ALLA STORIA DI SANTO STEFANO DI BRIGA Il “Rit...
Leggi tutto...

(24/05/18) L’acqua è di tutti e guai a chi la tocca.

di Paolo Ullo Senza dover andare lontano, basta spulcia...
Leggi tutto...
Nonnu, picchì è scuru?
AddThis Social Bookmark Button

“M’u dici picchì è scuru, caru nonnu?”

“Picchì si cucca ‘u suli e mori ‘u jonnu!”

‘Ccussì dumanna, ‘a sira, Valentina,

chi bboli mi sarìa sempri matina.

 

 

Iddha, chi di me’ occhi è viva luci,

mi dici sempri, cu’ palori duci,

chi bboli lustru pì vaddari ‘u celu

e non la notti chi ‘u cummogghia ‘i velu.

 

 

‘A vita so’ non cunta chi tri anni,

ma parra comu a una ch’è cchiù ranni.

Vurrìa sempri spaziu pì giucari

e chianci quannu poi s’avi a ‘ccuccari.

 

 

Voli sapiri ‘u nomu d’ogni cosa,

cu’ ddha buccuzza chi pari ‘na rosa.

A casa soi non trova mai ricettu

e chianci quannu appoggiunu ‘nto lettu.

 

 

Ma quannu cuddha ‘u suli a ‘Ntinnammari,

e l’umbra di la sira va a calari,

lu so’ curuzzu, cecca mi s’abbenta

e nte me’ brazza, stanca, si ‘ddrummenta.

 

Filippo Panarello


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.