(07/08/18) AGOSTO MESSINESE 2018

  IL CALENDARIO DEGLI APPUNTAMNENTI DELL’AGOSTO ME...
Leggi tutto...

(03/08/18) Il botto

  di Paolo Ullo La scusa magna, suprema, per rinunci...
Leggi tutto...

(15/07/18) Sulle rive dello stretto

alba4 Hai mai udito il silenzio? Vieni sulle rive dello ...
Leggi tutto...

(13/07/18) Il Festino di Santa Rosalia a Palermo

Il Festino di Santa Rosalia (u fistinu in siciliano) si ...
Leggi tutto...
Ma chi ci cuppu!
AddThis Social Bookmark Button

Ma chi ci cuppu iò, si ‘nto me’ cori,

mi veni sempri l’estru  di palori!

Iddhu li penza e senza mai stancari

li metti ‘n versi e i voli recitari.



‘Ammatula ci dicu: “Lassa stari!”

Ma iddhu non si voli arricittari.

“Ci su’ ‘ll’anni! Non sì cchiù figghiuleddhu!

Finiu lu tempu di lu barcuneddhu

 

quannu, di sutta, cù gran sentimentu,

‘na sirinata, china di turmentu,

a la to’ beddha, tu ci annavi a fari,

facennula affacciari e suspirari!

 

Ddhi tempi sù luntani, ormai fineru!”

Ma lu me’ cori, ch’è troppu sinceru,

rispunni a tappu: “Tu, lassimi annari!

Mi sentu ancora ‘n vena ‘i puitari.

 

P’u tempu ancora chi iò è campari,

ti pregu, oh cori, ‘i farimi parrari.

Fin quannu li me’ labbra avrannu ciatu,

di fimmini mi sentu ‘nnammuratu!”

 

Filippo Panarello


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.