(17/09/18) Da Messina ad Adua

Il 18 dicembre 1895 la città salutò festante gli uomini de...
Leggi tutto...

(17/09/18) Le strade militari di collegamento tra i Forti umbertini di Messina

Sulle Vie dei Cannoni. Studi preliminari. di Vincenzo Ca...
Leggi tutto...

(17/09/18) Messina e la Grande Guerra

Tratto da: Messina nella Prima Guerra Mondiale. Edito dalla ...
Leggi tutto...

(17/09/18) 1917. I sommergibili tedeschi nello Stretto di Messina

Messina nella Prima guerra Mondiale, Edas, Messina 2008 ...
Leggi tutto...
Mammuzza
AddThis Social Bookmark Button

Mammuzza, nomi binidittu e santu!

Du’ celu ti mannau lu Signuruzzu

ppì crìsciri, ‘ntra stù munnu di ghiantu,

ognuna ‘n figghiu: ‘u so’ picciriddhuzzu!

 

E passunu li jorna, i misi e l’anni

e quannu parra, sempri chiama: “Mamma!”,

lu ciatu du’ to’ ciatu, ormai già ranni,

mentri ‘nto cori soi senti ‘na fiamma.

 

P’un figghiu, ‘a mamma, è chiddha chi cunsola;

e sulu c’u la peddi, po’ capiri

chi mamma ci ‘nn’è una, una sula,

chi sapi piddunari e suffrìri.

 

Mammuzza, hai ‘u cori ranni, cchiù dù mari!

Ppì tia non c’è duluri e manc’affannu!

Ppì li to’ figghi, ti farii ‘mmazzari,

‘bbasta chi su’ filici a unni stannu!

 

Quannu poi ‘a frevi, coci ‘a nostra frunti,

accant’o lettu stai, o’ nostru latu.

Tutti li Santi preghi, a ‘mmani giunti,

mi fannu prestu sùggiri ‘u malatu.

 

Oggi è a to’ festa e ti dicemu grazi!

Grazi, mammuzza, ppì la to’ pacenza

c’avisti mi ‘nni teni ‘nte to’ bbrazza.

 

Ppì tuttu chiddhu chi ppì nui facisti,

grazi, mammuzza, e speciammenti poi

da quannu ‘ntra ‘stu munnu, ni mittisti.

 

Filippo Panarello

 

 


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.