(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
Dialettu, ‘nto me’ cori e ‘nto me’ pettu!
AddThis Social Bookmark Button

Oh terra di Cariddi, cara e duci,

a tia vaiu purtannu la me’ ‘bbuci

e mentri vaddu l’unni dù to’ mari,

d’a nostra lingua ti vegnu a parrari.

Oh lingua di li nostri antichi patri,

unni i palori, comu latti ‘i matri,

foru gileppu ‘i tantu ‘nsignamentu,

picchì ti ‘stai piddennu all’acqua e o’ ventu?

 

Tutti i to’ figghi sù pueti rari,

chi amuri dannu cù lu to’ parrari,

e tantu è lu caluri e ‘a simpatia,

chi ognunu dici: “Beddha, sì pì mia!”

Facemulu parrari ‘stu dialettu,

signu d’amuri e di tantu affettu,

pì ‘sta città chi non ha ‘cchiù valìa

e di chisti e di chiddhi è in balìa.

 

Tu sì terra ‘i pueti e cantarini,

unni la zagra di li mannarini,

unni li versi, assemi a li canzuni,

un paradisu fannu d’ogni ‘agnuni.

Parramu a’ missinisa, pì favuri!

‘A storia dù dialettu, ‘nni fa onuri!

Ci sù figghioli chi mancu lu sannu

e a picca, a picca, poi si va scuddannu!

 

Dialettu! Sì vampa chi ‘ddhuma li cori

e di pueti to’, mai nuddhu mori.

Tu ‘nni quaddii, ‘nte ‘bbrazza ‘nni pigghi,

comu ‘na matri chi ‘ddhatta i so’ figghi!

 

Filippo Panarello


 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.