(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
A Ninu Ferraù!
AddThis Social Bookmark Button

Siccomu di ‘stu lustru l’umbra sugnu,

l’umili me’ salutu a tutti dugnu

e ‘u vogghiu dari cù me’ cori ‘n manu

parrannuvi ‘n dialettu sicilianu,

‘a lingua di li nostri antichi patri,

‘unni i palori, comu latti ‘i matri,

foru tesoru ‘i tantu ‘nzignamentu

e chi ora si pidderu all’acqua e ò ventu.

 

Pì prima cosa, vogghiu ringraziari

pì ‘ll’invitu chi mi vulistu fari

e pì ‘ll’onuri chi vui dastu a mia

di ‘stari ‘n tanta illustri cumpagnia.

Sugnu ‘na goccia di ‘stu riccu mari,

perciò mi scantu quasi di parrari.

Ccà ci su’ artisti ‘i pinna e, povireddhu,

iò, fora ‘i sta reggia, paru ‘n’aceddhu

 

senza nidu, ‘ittatu a’ la campìa

e ‘i tantu ‘n tantu, trovu pì la via,

‘na para ‘i muddhichi e muddhicheddi

e mi’ddubbu cù’sti muzzicuneddhi.

Ora chi lu proemiu è beddhu e fattu,

spremu la menti e ‘a testa, tantu battu,

pì parrari, accussì comu iò sentu,

di Ninu Ferraù, ed ora tentu!

 

Essennu nenti, iò, ammenzu a tanti,

aiutu cercu ò Sommu Patri Danti.

C’u sapi, s’iddhu, c’a so’ ranni testa,

m’aiuta e un pocu ‘i versi soi, m’impresta!

E d’accussì, a’ ‘ssira, ci parrai,

a mani giunti e forti ‘u supplicai:

“O Tu chi stai pì ‘ffinta ‘n Santa Cruci,

dacci ‘na picca ‘i lustru a la me’ ‘bbuci!”

 

E ci cuntai ‘ddhu ‘gghiommuru c’avìa

pì scriviri pì Ninu, ‘sta puisia.

Mi cumparìu ‘n tutta ‘a so pissuna

e iò ‘lluccai, pì ‘ddha gran futtuna

 

 

E pusannu i so mani ‘nta curuna,

tuccau ‘ddhi fogghi ‘i lauru, a una a una:

“MISCHIAR LA LINGUA MIA AL TUO DIALETTO,

T’OFFRE UN  PARLARE LUSINGHIERO E SCHIETTO.

ABBI, PERCIO’, LA MIA APPROVAZIONE

E PREPARA COSI’ LA TUA CONCIONE!”

E chi foru gileppu i so’ palori!

Struggheru tutti i ruppa dù me’ cori!

 

“O MUSE, O ALTO INGEGNO, OR  M’AIUTATE”

a fari certi rime combaciate

‘n modu c’u discussu po’ filari

e di Ninu putìri, iò,  parrari.

“AMOR CHE NELLA MENTE MI RAGIONA”

certu chi fici, ‘na gran cosa bona,

si un pocu ‘i versi ‘n prestitu mi pigghiu

e i mettu a bagnu ‘nta ‘stu sammurigghiu.

 

“E COME  GLI  STORNEI  NE  PORTAN  L’ALI”

chiddhu chi scrissi Ninu, assai vali,

picchi nasci di ‘ll’animu scavatu

e ‘u so linguaggiu teni sullivatu.

“AMOR, CHE A NULLO AMATO AMOR PERDONA”

videmu ‘st’autra rima comu sona,

e si non sona, è signu ch’è stunata

e peddu puru ‘sta gran faticata.

 

Fu gran saggista, criticu e maestru

e li sò versi foru ricchi d’estru.

E fu professionista ‘i fidi e arti

ma s’a facìa ristannu sempri ‘i parti.

“SI, COME NAVE PINTA DA BUON TEMPO”

di fari puisia era cuntento

e li sò versi li liggèru ‘n tanti

ed ebbi un saccu ‘i premi interessanti.

 

“VIRTU’ DEL CIEL MI MOSSE, E CON LEI VEGNO”

‘nta sò puisia misi tantu ingegno.

Puru i giunnali, d’iddhu ‘nni parraru,

p’u versu ch’iddhu avia accussì raru.

“IL SOL MONTAVA IN SU’ CON QUELLE STELLE”

e ‘a puisia soi fici faville.

 

 

Su già trent’anni, e pari aieri

quann’ebbi i primi guai tantu serii

e, tempu ‘n’annu, Ninu si ‘nn’annau,

ma suli non ristammuu, e ‘nni lassau

palori a ciumi, di pueta raru

troppu modestu sì, ma a nui caru.

Scrivìu di tutti e a tutti desi ‘ntisa

e ‘a so’ puisia, sincera, assai pisa

e china d’amuri, ‘mpegnu e sentimentu,

‘nn’a lassa, comu eternu testamentu!

 

 

Filippo Panarello


 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.