(03/06/18) La Processione del Vascelluzzo

              Il video del trasport...
Leggi tutto...

(01/06/18) La Festa della Madonna della Lettera a Messina

“Apud Messanenses celebris est memoria B. Virginis Mariae,...
Leggi tutto...

(24/05/18) Il ritorno della "Maniedda"

OMAGGIO ALLA STORIA DI SANTO STEFANO DI BRIGA Il “Rit...
Leggi tutto...

(24/05/18) L’acqua è di tutti e guai a chi la tocca.

di Paolo Ullo Senza dover andare lontano, basta spulcia...
Leggi tutto...
Beddha, comu un paradisu!
AddThis Social Bookmark Button

Quannu ‘a Sicilia, Diu vosi criari ,

cù gioia ranni e tantu surrisu,

di festa Iddhu vistìu ‘u celu e ‘u mari

e ‘a fici beddha, comu un Paradisu!

Spanni lu suli tuttu ‘u so’ caluri

e li giardini tutti fà ciurìri.

E’ terra, chista, china ‘i tantu amuri,

chi fà scuddari i peni e lu suffrìri.

 

Speci di ‘stati, è china ‘ì tanta genti,

 e i furisteri, puru i ‘cchiù luntani,

vinennu tutti a trosca, tempu nenti,

fannu amicizia e battunu li mani.

Missina, chi d’ist’isula ciuruta

è terra fatta apposta p’incantari,

di furisteri è puru canusciuta

pì quanti cosi beddhi c’è ‘i gustari.

 

Piatti fotti sunnu i beddhi pisci

chi ‘nto Strittu s’a fannu a tutti l’uri,

speci di notti, sinu a quannu ‘bbrisci,

bersagliu sunnu d’ogni piscaturi.

Ci sunnu i custaddeddhi currioli,

fritti cauddi cù cipuddhuzza nova.

Ognunu ‘mmucca, a comu Diu voli,

ed è ranni lu gustu chi ci prova.

 

‘U piscispatu, poi, avi dirittu

‘rrustutu, a ‘gghiotta, cù  so’ sammurigghiu.

‘Llanzatu ‘nta ‘stu nostru Strittu,

 è tra li pisci, ò gustu, lu ‘cchiù ‘mmegghiu.

Ci sunnu, poi, i beddhi stuppadeddhi,

 chi fannu scialacori a lu manciari,

nisciuti da so’ scoccia, e salateddhi,

a unu, a unu tu li poi gustari.

 

E ‘u piscistoccu, a poi, ‘unni ‘u mittiti,

chi senza, non po’ stari ‘u missinisi,

e si vinu dù Faru vi biviti,

‘rristati a panza all’aria e a ‘gghiammi tisi.

 

Vi ricuddati, ò vennedì, briscennu?

Ogni putìa ‘i piscistuccari

s’annava a ‘mmanu, a ‘mmanu poi inchennu

di genti chi vinìa pì ‘ccattari\

i ventri e ‘u piscistoccu ‘a patti a cuda,

pì ’gghinchiri ‘i ‘stu modu la pignata.

Chista è ‘na terra china di sprinnuri,

‘unni i coddhi, ‘a custera e i sò du’ mari\

sunnu rigalu di nostru Signuri,

pì fari ‘u missinisi, ‘rricriari.

 

Filippo Panarello

 

 

 


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.