(17/09/18) Da Messina ad Adua

Il 18 dicembre 1895 la città salutò festante gli uomini de...
Leggi tutto...

(17/09/18) Le strade militari di collegamento tra i Forti umbertini di Messina

Sulle Vie dei Cannoni. Studi preliminari. di Vincenzo Ca...
Leggi tutto...

(17/09/18) Messina e la Grande Guerra

Tratto da: Messina nella Prima Guerra Mondiale. Edito dalla ...
Leggi tutto...

(17/09/18) 1917. I sommergibili tedeschi nello Stretto di Messina

Messina nella Prima guerra Mondiale, Edas, Messina 2008 ...
Leggi tutto...
Beddha, comu un paradisu!
AddThis Social Bookmark Button

Quannu ‘a Sicilia, Diu vosi criari ,

cù gioia ranni e tantu surrisu,

di festa Iddhu vistìu ‘u celu e ‘u mari

e ‘a fici beddha, comu un Paradisu!

Spanni lu suli tuttu ‘u so’ caluri

e li giardini tutti fà ciurìri.

E’ terra, chista, china ‘i tantu amuri,

chi fà scuddari i peni e lu suffrìri.

 

Speci di ‘stati, è china ‘ì tanta genti,

 e i furisteri, puru i ‘cchiù luntani,

vinennu tutti a trosca, tempu nenti,

fannu amicizia e battunu li mani.

Missina, chi d’ist’isula ciuruta

è terra fatta apposta p’incantari,

di furisteri è puru canusciuta

pì quanti cosi beddhi c’è ‘i gustari.

 

Piatti fotti sunnu i beddhi pisci

chi ‘nto Strittu s’a fannu a tutti l’uri,

speci di notti, sinu a quannu ‘bbrisci,

bersagliu sunnu d’ogni piscaturi.

Ci sunnu i custaddeddhi currioli,

fritti cauddi cù cipuddhuzza nova.

Ognunu ‘mmucca, a comu Diu voli,

ed è ranni lu gustu chi ci prova.

 

‘U piscispatu, poi, avi dirittu

‘rrustutu, a ‘gghiotta, cù  so’ sammurigghiu.

‘Llanzatu ‘nta ‘stu nostru Strittu,

 è tra li pisci, ò gustu, lu ‘cchiù ‘mmegghiu.

Ci sunnu, poi, i beddhi stuppadeddhi,

 chi fannu scialacori a lu manciari,

nisciuti da so’ scoccia, e salateddhi,

a unu, a unu tu li poi gustari.

 

E ‘u piscistoccu, a poi, ‘unni ‘u mittiti,

chi senza, non po’ stari ‘u missinisi,

e si vinu dù Faru vi biviti,

‘rristati a panza all’aria e a ‘gghiammi tisi.

 

Vi ricuddati, ò vennedì, briscennu?

Ogni putìa ‘i piscistuccari

s’annava a ‘mmanu, a ‘mmanu poi inchennu

di genti chi vinìa pì ‘ccattari\

i ventri e ‘u piscistoccu ‘a patti a cuda,

pì ’gghinchiri ‘i ‘stu modu la pignata.

Chista è ‘na terra china di sprinnuri,

‘unni i coddhi, ‘a custera e i sò du’ mari\

sunnu rigalu di nostru Signuri,

pì fari ‘u missinisi, ‘rricriari.

 

Filippo Panarello

 

 

 


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.