(22/02/18) Mino Licordari

Mino Licordari (1942-2016) Questa pagina è dedicata a Mi...
Leggi tutto...

(22/02/18) Maria Costa

Maria Costa nella sua casa di Case Basse Paradiso (1926-201...
Leggi tutto...

(19/02/18) Giovanni Rappazzo

Giovanni Rappazzo (Messina, 15 ottobre 1893 – Messina, ...
Leggi tutto...

(13/02/18) Storia di San Valentino

La Basilica di San Valentino a Terni - Nella teca in crista...
Leggi tutto...
La cena delle beffe
AddThis Social Bookmark Button

“La cena delle beffe”, di Blasetti

 con Amedeo Nazzari e Clara Calamai

(Sul seno nudo della bella Clara,

 apparso in una sequenza del film,

il “Messaggero” di allora,scriveva così:

“Se non si pone all’osceno,

 chissà dove andremo mai a finire…)

(parodia sul motivo di “Signorinella)

 

 

 

Signora Clara, pallida, rivedo

quel tuo seno in primo piano,

son 50 anni e ancor risento il brivido

che scosse tutto il pubblico italiano!

 

Che fotogramma storico,

per il pudore fu una Caporetto,

ricordi e che fiorire di polemiche,

su un nome lungo e breve: “reggipetto!”

 

Io, ragazzino, in sala torturavo il “bruscolino”

ed aspettavo quella scena “osè”,

che un attimo durava, un attimino,

ma, cosa fu per me!

 

Ma i giorni e gli anni passano

e il sesso assurge sempre a nuove vette!

Le cosce assieme ai culi ormai si sprecano

e c’è dovunque un turbinìo di “tette!”

 

Nei teleschermi appaiono

sempre più nudi i corpi delle donne.

Per i canali è una gara ormai,

sei tramontata, o Clara Calamai!

 

Per tanti scandali, non resta

che l’amara indifferenza,

e il sesso ha superato ogni decenza!

Com’era bello, quando ragazzino,

tastavo…il “bruscolino!”

 

Filippo Panarello 

 

 


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.