(16/05/18) 'A banniata

banniata ‘A banniata o ‘A vanniata – La strillata ca...
Leggi tutto...

(16/05/18) Messina nei secoli d'oro

mesecoro Messina fu originariamente fondata da coloni e da...
Leggi tutto...

(09/05/18) Le Targhe della Memoria della città di Messina

  Leggi il libro in pdf La recensione di Antonino ...
Leggi tutto...

(09/05/18) La Festa della Madonna della Lettera a Messina

“Apud Messanenses celebris est memoria B. Virginis Mariae,...
Leggi tutto...
Ciscu Tanu Cimarosa
AddThis Social Bookmark Button
 

 

 

Nascisti, di la ventri di tò matri,

artista veru di talentu finu,

e non pirdisti un pilu di tò patri,

chi l'arti soi fici assai caminu.

 

'Ntra li tò vini scurri lu divinu

sangu di Cimarosa, 'u tò antinatu:

 lu nomu sò è splinnuri adamantinu,

mùsica chi arristora lu criatu.

 

L'arti pi' tia non avi cunfinu,

e tu ti sciacquarii innamuratu,

macari quannu dormi a sonnu chinu

ad idda forti ti teni abbrazzatu.

 

Tuttu  pi  tia sarà bonu distinu,

tantu si' di 'sta luci ammaliatu;

pussedi ciriveddu cristallinu

e veramenti si' l'artista natu.

 

Pi li to' preggi si' lu beniaminu

d'i pubblici chi t'annu sempri amatu,

t'auguru sempri chi lu to' caminu

resti di luci 'ranni illuminatu.

 

Questa poesia Siricio la dedica a Tano Cimarosa, grande attore e caratterista messinese, recentemente scomparso.

 

Leopoldo Siricio


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.