(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
Bedda Missina
AddThis Social Bookmark Button
 

 

Vaddatila ch'è bedda 'sta Missina,

dicitimmillu vui quant'è baggiana,

quannu si vesti d'oru la matina,

mi pari di lu munnu la suvrana.

 

Havi 'na facci di 'na serafina

di zagari idda porta 'na curuna,

cu 'ddu gran fazzulettu a lisciandrina

'nn'amura 'u suli, i stiddi cu la luna.

 

Lu suli è accussì forti 'nn'amuratu

chi appena spunta tutta si la bacia,

e d'a matina a sira 'sta o' so' latu

fina chi stuta a mmari la sò bracia.

 

E idda s'arristora e si ricria

si fa sempri cchiù bedda e drudarusa,

lu gricaleddu chi ci rifulia

l'ammanta di friscura ginirusa.

 

La chiamunu citati 'ncantatura

pi' li sò 'ranni preggi naturali,

bedda la vosi fari la natura

comu lu paradisu tale e quali.

 

Vanta lu cori sò chinu d'amuri,

canta di gioia lu sò riccu mari,

cantunu l'acidduzzi, e li sò ciuri

ricca la fannu di prufumi rari.

 

Cantu iò puru chi la vogghiu beni,

pinzannu a idda scordu li me' peni. 

 

Leopoldo Siricio

 

 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.