(17/09/18) Da Messina ad Adua

Il 18 dicembre 1895 la città salutò festante gli uomini de...
Leggi tutto...

(17/09/18) Le strade militari di collegamento tra i Forti umbertini di Messina

Sulle Vie dei Cannoni. Studi preliminari. di Vincenzo Ca...
Leggi tutto...

(17/09/18) Messina e la Grande Guerra

Tratto da: Messina nella Prima Guerra Mondiale. Edito dalla ...
Leggi tutto...

(17/09/18) 1917. I sommergibili tedeschi nello Stretto di Messina

Messina nella Prima guerra Mondiale, Edas, Messina 2008 ...
Leggi tutto...
Agostino Scilla
AddThis Social Bookmark Button

Si dedica precocemente alla pittura alla scuola di Antonino Alberti detto il Barbalonga, e, a 17 anni, si trasferisce a Roma dove entra a far parte della scuola di Andrea Sacchi e con il quale studia l'arte antica e la pittura rinascimentale.

Torna a Messina nel 1651 dove diviene membro dell'Accademia della Fucina con il nome di "Scolorito".

Lavora al servizio del principe collezionista Antonio Ruffo e certamente le opere presenti nella sua ricca raccolta (ritratti di Omero, Aristotele e altri filosofi e studiosi del passato dipinti da Rembrandt, Guercino e Ribera) influenzano la sua produzione artistica.

Per il Ruffo dipinge, all'inizio degli anni '70, "Ester e Assuero" e "Rebecca al pozzo", conservati oggi presso il Museo Regionale di Messina. Appartengono allo stesso periodo il "San Benedetto che distrugge gli idoli", considerato uno dei capolavori dell'artista e il "Sant'Ilarione tra le braccia della morte", anch’essi al Museo di Messina.

Intraprende studi di numismatica e inizia a collezionare i fossili osservati durante i suoi spostamenti nei paesi siciliani e calabresi dove viene chiamato a dipingere.

Da questa attività scaturisce il trattato "La vana speculazione disingannata dal senso" del 1670. La "vana speculazione" sarebbe quella che interpreta i fossili come "cresciuti" all'interno delle rocce e Scilla contrappone, con coraggio e fermezza, la tesi di una loro origine organica. Secondo Scilla i fossili sono stati veri animali e non scherzi di natura generati da sostanza "sassea". Ironizza sulla tesi della "vegetabilità" delle pietre.

Si riallaccia a Lucrezio e a Descartes insistendo sull'osservazione e accettando quindi la lezione di fondo di Galilei, pur non menzionandolo mai. La sola filosofia che gli pare accettabile è quella "che conosce la gran disparità che vi è tra quel che pensano gli huomini e quel ch'abbia saputo operare la Natura".

Nel 1696 William Wotton presenta alla Royal Society un abstract dell'opera di Scilla e l'anno seguente pubblica A vindication of an abstract of an italian book concerning marine bodies. Leibniz contrappone, nella Protogaea, le precise testimonianze del "dotto pittore" di Messina alle fantasie di Kircher.  

In seguito al fallimento della rivolta antispagnola del 1674 alla quale ha partecipato, è costretto a fuggire da Messina; ripara dapprima in Francia dove resta fino al 1678 (qui dipinge "Gesù nella casa di Marta e Maria") e dopo un breve soggiorno a Torino, presso la corte di Carlo Emanuele III, si stabilisce in via definitiva a Roma. Grazie alla fama ormai acquisita entra a far parte della prestigiosa Accademia di S. Luca e nel 1680 viene ammesso alla Congregazione dei Virtuosi, della quale fu reggente nel 1681 e 1685.

Oltre ai quadri conservati nel museo di Messina (ma il terremoto che colpì la città nel 1908 distrusse una notevole quantità dei suoi dipinti) e ad alcuni ritrovati presso collezioni private, (il celebre "Epicuro", databile 1670 circa è custodito presso una collezione privata francese), di notevole pregio sono i suoi affreschi per la Cappella del Sacramento nel Duomo di Siracusa, la cui costruzione è attribuita al siculo spagnolo Giovanni Vermexio. Gli si attribuisce anche la paternità del restauro della loggia annessa alla Cattedrale di Randazzo.

Trascorse con una certa agiatezza gli ultimi anni di vita. Riuscì a raccogliere un'eccezionale collezione di disegni di Polidoro da Caravaggio, passata dopo la sua morte, avvenuta a Roma nel 1700, nelle mani del figlio e in seguito acquistata dal collezionista Pierre Crozat.


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.