(03/01/18) I Re Magi

La Lombardia è la terra che forse più di altre conserv...
Leggi tutto...

(30/12/17) Chi è la "Befana"

  La Befana appartiene alle figure folkloristiche, dis...
Leggi tutto...

(27/12/17) Messina, 28 dicembre 1908 ore 5:21:42

  Una notte maledetta da dimenticare. terremoto ...
Leggi tutto...

(12/12/17) 13 dicembre Santa Lucia, usi costumi e tradizioni

Di santa Lucia sembra esistere a Siracusa il loculo, cio...
Leggi tutto...
Chiesa di Santa Maria in Mili San Pietro
AddThis Social Bookmark Button

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

Fondata dal Gran Conte Ruggero nel 1092, la chiesa di S.Maria a Mili San Pietro accoglieva il corpo del figlio Giordano, morto in battaglia a Siracusa.

Ad unica navata e tre absidi orientate ad est, secondo la tipologia architettonica dell'epoca, solo quella centrale è visibile all'esterno essendo le altre due comprese nello spessore murario, ciò che conferisce a tutto l'insieme del settore absidale uno stereometrico risalto.

Venne ampliata nel sec.XVI in lunghezza, con l'aggiunta di una nuova facciata e di un nuovo portale marmoreo.

La cupola centrale, in mattoni, imposta su pennacchi ad arcatelle concentriche, accorgimento costruttivo e decorativo diderivazione araba presente in altri edifici religiosi di epoca normanna affidati ai monaci dell'Ordine di S.Basilio( ad esempiop, Santi Pietro e Paolo d'Itala, Santi Pietro e Paolo d'Agrò, Santa Maria della Valle o della Scala, detta la "Badiazza, nel villaggio Scala Ritiro a Messina).

Sulle pareti laterali, ricorre la tipica decorazione ad archi ogivali incrociantesi presso la cuspide.

Parzialmente restaurata, si attende ora il recupero degli edifici monastici che la circondano.

Galleria fotografica


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.