(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
Alcuni modi di dire dialettali
AddThis Social Bookmark Button

“Giuru pa’ vista ‘i ll’occhi” (“Giuro per la vista degli occhi”). Contrariamente a quanto si potrebbe pensare istintivamente, questo antico giuramento, in Sicilia, non ha riferimento al bene più prezioso, appunto la vista, ma trae la sua origine a partire dall’occupazione dei Siculi nell’isola, cioè dal 1270 a.C. Era barbaro costume presso i Siculi, infatti, punire gli spergiuri con l’estirpazione degli occhi e il ricordo di tale orripilante mutilazione, per il terrore che evidentemente incuteva, è rimasto indelebile nella memoria collettiva dei siciliani.

“Fici cchiù dannu du cinqu “i fivraru” (“Ha fatto più danno del cinque febbraio”). Questo modo di dire ormai desueto, tipicamente di area messinese, si riferisce al ricordo del terribile terremoto del 5 febbraio 1783 che provocò morti e danni alla città. La constatazione, infatti, vuole enfatizzare la considerevole entità di qualsiasi danno grave che viene provocato ad uomini e cose.

“’Sta casa pari un funnucu” (“Questa casa sembra un fondaco”). Il riferimento, per similitudine, è al grande disordine, sporcizia e promiscuità che una volta regnavano nei fondaci, luoghi di sosta per i viaggiatori che spesso pernottavano insieme alle bestie, dislocati lungo le grandi arterie di transito siciliane.

“‘A robba banniata è menza vinnuta” (“La merce pubblicizzata è mezza venduta”) Detto tipicamente messinese in uso nella città prima del terremoto del 28 dicembre 1908, enfatizzava il potere di persuasione delle cosiddette “banniate” che in colorito dialetto venivano urlate dai bottegai, ente nei mercati.

" Ghiamai all'obbu mi m'accumpagna; apriu l'occhi e mi fici scantari!" ("Ho chiamato il cieco per essere accompagnato; ha aperto gli occhi e mi ha fatto spaventare!") Motto pronunciato allorchè l'aiuto di una persona, a cui ci si è rivolti per averne supporto e conforto in una piccola incombenza, si rivela addirittura dannoso. L'apparente controsenso di aver chiamato un cieco per essere accompagnati (aiutati) tende ad affermare l'assioma: "l'aiuto chiestoti non era poi così impegnativo, tanto che sarebbe stato sufficiente l'aiuto di una persona anche con capacità limitate e non ne sei stato all'altezza! E, purtroppo, i tuoi limiti si sono rilevati ben superiori a quelli da me stimati inizialmente, tanto da provocarmi spavento."  

 


 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.