(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
L'alluvioni i Missina
AddThis Social Bookmark Button

 

Fici nu bruttu sonnu propriu a ieri,
chi acqua i cielu, petri e terra nira
scinneru comu 'n ciumi, nn'anzi arreti,
puttannu a distruzioni n'ta na sira.
N'tichi paiseddi t'on coppu ssuttirrati
i na furia n'firnali e priputenti
e ddi straduzzi a'n trattu cancillati
senza chi nuddu putia 'cchiu' fari nenti.
Casi, 'nnimali e genti strascinati,
sonni, spiranzi, pi' sempri pidduti,
erunu peti  peti, 'mmenz ' o fangu spugghiati,
pariunu suddateddi n'ta lu campu caduti!
Cianci Missina, svintrata e disulata,
poviri figghi di un paisi a luttu,
senza 'cchiu' ciatu, sta terra marturiata,
avia di tantu bbeni e persi tuttu.
Sutta i maceri e' nu bumbardamentu,
nu buatu a ' trasaltu comu un lampu
Briga, Scaletta, Giampilieri, Molino, Altolia
da muntagna "ffuati" senza scampu!
Grida d'aiutu! Prestu o matri mia!
Si iapreru i cieli, fini i munnu paria;
si 'n tisi n'ta lu scuru, all'improvvisu,
nuddu s'immaginava stu turmentu,
vitti l'infernu unn'era u paradisu
e u ventu 'ccarizzari ogni lamentu!
Quannu i silenziu si calau u sipariu
l'acqua fitta scinnia sempri 'cchiu' forti,
di apocalissi si tinciu u scinariu
chi a morti li stanau d'intra li porti.
Chi fracellu Signuri! Chi ruvina!
M'pressu iornu era a stragi di 'nnuccenti
misa in ginocchiu oh povira Missina
tradita ancora du statu promittenti!
Politici in poltrona e classi dirigenti
si pi tempu ci faciu li protezioni
li salvau da li frani e i smottamenti
ma vi piddistu chi paroli e i convenzioni.
Unni fineru li soddi destinati?
Quali stradi pigghiaru sti miliuni?
Vostra e' a cuscienza pi sti morti 'mmazzati!
Vostru e' stu focu di palla di cannuni!
Bari in silenziu, fasciati i tri culuri,
lacrimi amari di campani a mortu,
scunsulatu e' stu cori, chi duluri...
non trova cchiu' ne' paci ne' cunfortu..
Chista e' l'Italia, terra sciagurata,
paisi senza gloria e i brava genti,
chi spera e spetta, ma e' sempri 'bbannunata,
unni l'eroi non restunu n'ta storia
e cu guverna non cunchiuti nenti!
 
 
(Lucia Naccari)
 
Una Messinese


 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.