(04/08/17) Corteo Storico dello Sbarco a Messina di Don Giovani d'Austria

Tra due ali di folla si è svolto il Corteo Storico della...
Leggi tutto...

(27/07/17) La Pasta al Forno

di Nuccio Anselmo Tra le cose serie della vita un posto...
Leggi tutto...

(15/07/17) La Cripta del Duomo

La cripta venne realizzata nel 1081 per volontà del Re ...
Leggi tutto...

(15/07/17) La Sacrestia del Duomo di Messina

La  sacrestia è stata realizzata nel 1933/1934, con pregi...
Leggi tutto...
Messina Oggi
Corteo Storico dello Sbarco a Messina di Don Giovani d'Austria
AddThis Social Bookmark Button

Tra due ali di folla si è svolto il Corteo Storico della IX edizione dello Spettacolare Sbarco di Don Giovanni d'Austria e il palio delle Contrade Marinare.

Durante il tragitto lungo la via Garibaldi, dopo l'uscita del Senato Messinese dal Palazzo Municipale, si sono svolte esibizioni degli sbandieratori accompagnati dal rullo dei tamburi. Nella carrozza Reale lo Strarigò.

Il Corteo Storico Navale, accolto da salve di cannone, con in testa il veliero "Signora del Vento" aveva a bordo Don Giovanni d'Austria e Marcantonio Colonna, era accompagnato dalle imbarcazioni istituzionali della Marina Militare, Guardia Costiera, Carabinieri,Polizia di Stao, Guardia di Finanza e Vigili del Fuoco.

A Largo Minutoli lo sbarco di Don Giovanni d'Austria che trionfalmente è entrato in piazza Unione Europea dove lo attendeva un folto pubblico intervenuto anche per assistere allo spettacolo serale.

Il Corteo Storico

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

Gli Sbandieratori

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

Arrivo in porto di Don Giovanni d'Austria

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.



La Signora del Vento entra nel porto di Messina

Messina,4 agosto 2017 - E' arrivata alle ore 14:20 la “Signora del Vento”,la nave scuola recentemente donata all’ Istituto Tecnico Nautico “Caboto” di Gaeta il secondo veliero battente bandiera italiana dopo l’Amerigo Vespucci, con una lunghezza di 85 metri, rappresenterà sabato 5 agosto la Nave Reale di Don Giovanni d’Austria nella IX Edizione della Rievocazione dello Spettacolare Sbarco del figlio naturale di Carlo V, coordinata da Enzo Caruso e dall’Associazione Aurora, quest’anno in collaborazione con l’Associazione Tesori d’Arte di Gaeta.
Domani alle ore 11:00 al molo Colapesce incontro con il Comandante e l'equipaggio, subito dopo il gemellaggio con l'Istituto Nautico Caio Duilio e a seguire conferenza stampa.

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

La nave è stata richiesta per la Manifestazione di Messina dal Presidente dell’ARS, Giovanni Ardizzone, nell’ambito delle attività della Rete internazionale "Sulle Rotte di Lepanto", di cui è partner la Fondazione Federico II, costituita da città italiane ed euro-mediterranee accomunate dall’epica Battaglia di Lepanto e oggi impegnate nella promozione di un itinerario culturale orientato all’Incontro tra i popoli e le culture coinvolte nel grande scontro navale del 7 ottobre 1571.
E questa mattina la "Signora" attorno alle 9 è salpata dalla Banchina Caboto per raggiungere Messina, dove dovrebbe arrivare domani nel pomeriggio. Prima della partenza c’ è stato l’ imbarco di Marcantonio Colonna, una scena sempre suggestiva ed emozionante preceduta dal posizionamento a bordo del vessillo della storica battaglia di Lepanto.

L'arrivo di Don Giovanni d'Astria e della flotta della Santa Lega a Messina

Cenni Storici

Tra luglio e agosto del 1571 l'Armata cristiana con 210 galee sottili, 6 galeazze, 25 navi grosse, 3 galeotte e 50 fra brigantini e fregate, 1.805 cannoni, e circa 80.000 uomini di cui 28.000 soldati, 12.920 marinai, 43.500 rematori si radunò nel formidabile porto della città dello Stretto sotto il comando di Don Giovanni d'Austria figlio naturale dell'Imperatore Carlo V.

Il 20 luglio dell'Anno Domini 1571, la Flotta Pontificia al comando di Marcantonio Colonna, luogotenente generale di Don Giovanni, faceva "entrata solenne" a Messina salutata dallo sparo di "grandissima quantità di artigliaria" da tutti i castelli della città.

La mattina del 23 luglio era la volta della flotta veneziana al comando di Sebastiano Venier, col suo luogotenente Agostino Barbarigo, ad entrare pigramente nel porto falcato remigando contro vento, il Comandante Supremo, don Giovanni d'Austria, solcava le acque dello Stretto il 23 agosto con 25 galere, mentre tutte le navi alla fonda uscivano per andargli incontro sparando una "bellissima salva" d'artiglieria in segno d'omaggio. Don Juan, sbarcato a Messina due giorni dopo, fu cerimoniosamente ricevuto a Palazzo Reale dallo Stratigò Conte di Landriano e dai Senatori della città. Negli ultimi giorni di agosto giungevan la squadra di Giovanni Andrea Doria da Genova, quella del marchese di Santacroce da Napoli, quella di don Giovanni di Cardona, da Palermo, e per ultima, il primo di settembre, proveniente da Siracusa, il resto della flotta veneziana rimasto a Candia. La flotta cristiana riuscì a concentrarsi nel porto di Messina il 24 agosto del 1571. Sotto don Giovanni d'Austria vennero riunite le forze provenienti da: Spagna, Repubblica di Venezia, Stato Pontificio, Repubblica di Genova, Napoli, Malta, Marche, Romagne, Granducato di Toscana, Ducato di Savoia, 10 Galee di Sicilia di cui una armata da Vincenzo Marnilo di Condojanni.

-    Domenica 16 settembre l'Armata salpava da Messina salutata dalie salve d'artiglieria dei castelli della Città, fra le grida d'esultanza di una folla immensa dì messinesi.

-    Il 7 ottobre 1571, di domenica, nelle acque di Lepanto, 180 mila uomini si fronteggiavano. Cinque ore sarebbe durata la battaglia,  150 galee turche catturate e 40 affondate e bruciate, 7.600 morti e 15.000 feriti di parte cristiana,
35.000 i morti di parte turca.
-    11 novembre 1571, don Giovanni ritornava vittorioso a Messina.

Nino Principato

La “Signora del Vento” a Messina sabato 5 agosto

Sarà la “Signora del Vento”, il secondo veliero battente bandiera italiana dopo l’Amerigo Vespucci, con una lunghezza di 85 metri, a rappresentare sabato 5 agosto la Nave Reale di Don Giovanni d’Austria nella IX Edizione della Rievocazione dello Spettacolare Sbarco del figlio naturale di Carlo V, coordinata da Enzo Caruso e dall’Associazione Aurora, quest’anno in collaborazione con l’Associazione Tesori d’Arte di Gaeta.

Il Veliero, noto per essere apparso anche nel programma televisivo “Linea Blu” di Rai 1, è stato donato recentemente all’Istituto Nautico “Giovanni Caboto” di Gaeta, diretto dal preside Salvatore Di Tucci, dalla Società “M.Ar.Te. International Rent” (gruppo acque minerali Rocchetta) all’interno del bando “Laboratori territoriali per l’occupabilità”, a cui la scuola ha partecipato arrivando prima della regione Lazio e terza in Italia.

La splendida nave è stata richiesta per la Manifestazione di Messina dal Presidente dell’ARS, Giovanni Ardizzone, nell’ambito delle attività della Rete internazionale “Sulle Rotte di Lepanto”, di cui è partner la Fondazione Federico II, costituita da città italiane ed euro-mediterranee accomunate dall’epica Battaglia di Lepanto e oggi impegnate nella promozione di un itinerario culturale orientato all’Incontro tra i popoli e le culture coinvolte nel grande scontro navale del 7 ottobre 1571.

NOTE

La Signora del Vento è un veliero a tre alberi con una superficie velica di oltre 3000 mq che nasce in Polonia nel 1962 e opera per circa 30 anni nei mari del Nord.

A partire dagli anni ’90 il veliero viene impiegato come Nave Scuola nei mari di tutto il mondo, partecipando ad innumerevoli raduni di navi a vela.

Nel 2006 la S.I.N., Società Italiana di Navigazione, la acquista cogliendone le grandi potenzialità e la ristruttura completamente.

Viene così adeguata agli altissimi standard di sicurezza necessari all'ottenimento della bandiera italiana e all'iscrizione nei Registri Italiani seguendo la normativa SOLAS del RINA.

Di recente è diventata la Nave Scuola del Nautico di Gaeta per le attività dell’Istituto marinaro più antico d’Italia.

Del Comitato Tecnico-Scientifico fanno parte l’Amm. Franco Persenda e i proff. Erasmo Coccoluto e Silverio Schiano, coadiuvati dall’Ammiraglio di Squadra Raffaele Caruso, già Comandante di Marisicilia.

 
Il castello di Montalbano Elicona si tinge di blu per Charlie Gard
AddThis Social Bookmark Button

 

Montalbano Elicona si mobilita per Charlie Gard, il bambino inglese di 11 mesi affetto da una grave patologia degenerativa, al quale viene negata la possibilità di sottoporsi ad una terapia sperimentale che potrebbe salvargli la vita. I tribunali britannici lo hanno condannato a morte con una sentenza che stabilisce che vengano staccati i macchinari che lo tengono in vita perché “nel migliore interesse del bambino”. Sentenza confermata dalla Corte Europea dei Diritti Umani.

Grazie ad una enorme mobilitazione internazionale ed alla petizione con 350mila firme, i genitori sono riusciti a rimandare l’esecuzione della sentenza (che doveva essere eseguita il 30 giugno) e a tornare in tribunale. La prima udienza ha avuto luogo lunedì scorso ed è stata aggiornata a giovedì 13 luglio in attesa di prove evidenti dell’efficacia della terapia sperimentale. I genitori hanno chiesto di portare negli Stati Uniti il piccolo Charlie, ma la richiesta è stata respinta. Su pressione del GOSH, Great Ormond Street Hospital, il giudice sembra orientato a far eseguire la sentenza, compiendo di fatto un omicidio.

Come cristiano, come genitori e come semplici esseri umani, non possiamo accettare che ciò avvenga!

Da qui l’iniziativa di Montalbano Elicona di aderire come amministrazione comunale e come semplici cittadini alla campagna internazionale per salvare Charlie Gard. Stasera il Castello di Montalbano si tingerà di blu (il colore simbolo di Charlie) e l’immagine verrà diffusa sui social network dal Sindaco e dai Consiglieri Comunali, nonché da tutti i cittadini.

Invitiamo tutti a sostituire su facebook la nostra immagine di copertina con quella del Castello illuminato di blu, con la frase “MONTALBANO ELICONA IS CHARLIE GARD”.

L’Immagine del profilo verrà sostituita dalla foto del piccolo Charlie Gard. Verrà inoltre diffuso l’hastag #IAMCHARLIEGARD.

Come Charlie, altri due bambini di 7 e 13 mesi si trovano in una situazione simile in Gran Bretagna. Non possiamo permettere che vinca la cultura dello scarto!

Siamo un piccolo borgo, ma insieme a molti altri possiamo fare la differenza affinché prevalga la cultura della vita!

 
Consegna del "Pallio" al nuovo Arcivescovo Accolla
AddThis Social Bookmark Button

Pieni di gioia accompagniamo e sosteniamo con la preghiera il nostro pastore

S.E. Mons. Giovanni Accolla

Nella Solennità dei Santi Apostoli Pietro e Paolo, il prossimo 29 giugno, Papa Francesco presiederà alle ore 9.30, nella Basilica Vaticana, la Celebrazione Eucaristica con i neo Cardinali e i nuovi Arcivescovi Metropoliti.

Al termine della celebrazione, i Metropoliti riceveranno, uno a uno dalle mani del Santo Padre, il pallio che verrà loro imposto successivamente nella Diocesi di appartenenza da parte del Nunzio Apostolico.

Cosa è e cosa simboleggia il Pallio

Il Pallio è una fascia di lana tessuta a mano che si poggia sulle spalle e si fa poi ricadere davanti sul petto e dietro alle spalle. Già nel IV secolo ci sono notizie che il Papa usava questo pallio. Probabilmente era un’insegna imperiale passata ai vescovi. Il pallio venne poi dato da Roma ai metropoliti, soprattutto ai tempi di Gregorio VII, subito dopo l’anno Mille, quando c’era la necessità di controllare l’elezione dei vescovi. Da quel periodo i metropoliti venivano a Roma a ricevere il pallio. Successivamente, il pallio venne concesso anche a quelli che non erano metropoliti come un’insegna d’onore. Negli anni ’70 c’è stata la riforma del pallio voluta da Paolo VI, per cui esso oggi viene concesso solo ai metropoliti, per lo più il 29 giugno, Solennità dei Santi Apostoli Pietro e Paolo, proprio a sottolineare il legame di chi porta il pallio con la Sede Apostolica.

La simbologia del pallio è andata arricchendosi nel corso i secoli. All’inizio, aveva una simbologia soprattutto ecclesiale, cioè in tutto il primo millennio il pallio indicava la pecorella che si era smarrita, quindi, di conseguenza, stava a significare il pastore che portava la pecora sulla spalla sinistra. E’ il pallio che è stato ripreso anche adesso da Papa Benedetto e che troviamo in tutta l’iconografia, in tutti i mosaici del primo millennio. Successivamente, dopo il primo millennio, ha cambiato forma:  è stato messo ad ipsilon sulla persona che lo portava e ha assunto un altro significato. Le croci rosse hanno assunto il significato delle piaghe del Signore. Gli spilloni, hanno assunto il significato dei tre chiodi della crocifissione. E quindi il pallio ha soprattutto un significato cristologico, del Cristo Buon Pastore. Oggi noi abbiamo questi due elementi insieme. Il pallio è fatto di lana e sta a significare la pecora che si è smarrita, porta gli spilloni ed ha queste croci a significare che il Buon Pastore dà la vita per le sue pecore.

 
Comunicati Ufficio Stampa del Comune di Messina
AddThis Social Bookmark Button

 

UFFICIO STAMPA COMUNE DI MESSINA
Comunicati stampa di venerdì 9 giugno 2017

755 • 9 giugno 2017
DA GIOVEDI’ 15 SOSTA A PAGAMENTO NELL’AREA DI TORRE FARO: DA OGGI RITIRO MODULISTICA NELLA SEDE DELLA VI CIRCOSCRIZIONE
Secondo quanto concordato col vicesindaco e assessore al ramo, Gaetano Cacciola, il Dipartimento Mobilità Urbana e Viabilità ha disposto da giovedì 15 l’avvio della sosta a pagamento a Torre Faro lungo le vie, Lanterna, Fortino, Biasini, e Sen. Arena, per 100 metri, nel tratto a partire dall’intersezione con la via Lanterna. Sarà inoltre attivata la sosta gratuita nel parcheggio Torri Morandi con servizio bus navetta espletato dall’ATM. Da oggi, venerdì 9, nella sede della VI Circoscrizione, in via Consolare Pompea a Ganzirri, sono in distribuzione i modelli per richiedere il pass per la sosta gratuita nell’area di Torre Faro, gli stessi saranno rilasciati dal Dipartimento Mobilità Urbana a partire da martedì 13.

N° 754 • 9 giugno 2017
COMPARTECIPAZIONE: NOTA DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE
A seguito di notizie comparse sulla stampa cittadina, l’amministrazione Accorinti, a supporto del significativo e sensibile lavoro del dipartimento Politiche Sociali e dell’Assessora al ramo, ritiene opportuno, senza spirito di polemica, fare alcune precisazioni in merito ad un tema così delicato che coinvolge le fasce deboli della città. La compartecipazione al servizio di Aiuto alle Famiglie dei Soggetti con Disabilità è disciplinata dal Decreto Regionale del 15/4/2003. Il servizio, rivolto a 125 beneficiari con disabilità, è reso gratuitamente all’80% dell’utenza; il 20% (25 utenti) che compartecipa al costo del servizio è costituito da 18 utenti paganti la quota di 135,20 euro mensili e 7 utenti (il restante 30%) paganti la quota di 338,00 euro mensili. Si precisa che il servizio viene erogato per 48 ore mensili. Quindi risulta poco probabile la rappresentazione che per l’utente che compartecipa sia più conveniente rivolgersi a soggetti professionisti privati i cui costi sono, a parità di numero di prestazioni, complessivamente più elevati. Il Comune, comunque, consapevole della difficoltà interpretativa della vasta materia legislativa del settore, ha da tempo avviato una proficua collaborazione con il competente dipartimento della Regione Siciliana e, sulla scorta di questa interlocuzione, nelle more del superamento normativo che governa la compartecipazione (Decreto D’Aquino), è impegnato – come più volte precisato in note stampa – ad adottare appropriati provvedimenti con l’intento di armonizzare le varie disposizioni normative ed amministrative.

N° 753 • 9 giugno 2017
SEDUTA DELLA NONA COMMISSIONE CONSILIARE
La IX Commissione consiliare (Statuto e Regolamenti), presieduta dal consigliere comunale, Gaetano Gennaro, si è riunita stamani a Palazzo Zanca, in seduta ordinaria. Nel corso della riunione sono state trattate ed esitate con voto favorevole due proposte di delibere. La prima, alla quale ha preso parte l’assessore all’Ambiente, Daniele Ialacqua, ha riguardato il “Regolamento comunale per l’autorizzazione all’installazione e all’esercizio di impianti per radio telecomunicazioni” (prima firmataria la consigliera, Daniela Faranda); la seconda, invece, il “Regolamento disciplina delle missioni istituzionali e del rimborso spese e di soggiorno sostenute dagli amministratori della città di Messina” (unica firmataria la presidente del Consiglio comunale, Emilia Barrile). Al termine della riunione il presidente della IX Commissione Gennaro ha aggiornato i lavori a martedì 13, alle ore 14, in prima convocazione, ed alle 15, in seconda, per una seduta straordinaria, alla quale è stato invitato a partecipare l’assessore Ialacqua. All’ordine del giorno è prevista la trattazione del “Regolamento per l’assegnazione e la gestione degli orti urbani e periurbani a coltivazione biologica”.

N° 752 • 9 giugno 2017
LIMITAZIONI VIARIE PER LA FESTIVITA’ IN ONORE DI S. ANTONIO
In occasione della celebrazione della festività di S. Antonio, sono state disposte limitazioni viarie per permettere il posizionamento degli operatori commerciali. Lunedì 12, martedì 13, sabato 24 e domenica 25, saranno istituiti i divieti di sosta, 0-24, e di transito veicolare in via Santa Cecilia, nel tratto compreso tra le vie Ghibellina e dei Mille, consentendo l’attraversamento veicolare in corrispondenza delle intersezioni con le vie Ghibellina, Centonze, Risorgimento e dei Mille. In considerazione dell’elevato afflusso di fedeli previsto per le celebrazioni, i divieti vigeranno anche nel tratto di via S. Cecilia, compreso tra le vie C. Battisti e Ghibellina, ove non è consentito alcun posizionamento di operatori commerciali.

N° 751 • 9 giugno 2017
DA LUNEDÌ 12 MODIFICHE AL PERCORSO DELLA LINEA BUS 80 ACQUALADRONE
A seguito dei provvedimenti viabili disposti per consentire lavori di ripristino del manto stradale sulle Strade Provinciali 45 e 49 a Faro Superiore, l’Azienda Trasporti Messina ha disposto alcune modifiche al percorso della linea bus 80 Acqualadrone, che saranno in vigore da lunedì 12. Tutte le corse in partenza dal Cavallotti e da Acqualadrone transiteranno dalla SS 113 dir, in entrambi i percorsi di andata e ritorno. Gli orari sono consultabili sul sito dell’A.T.M, all’indirizzo www.atmmessina.it .

N° 750 • 9 giugno 2017
NUOVA SESSIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE LUNEDI’ 12
Lunedì 12, alle ore 11, il Consiglio comunale tornerà a riunirsi per l’avvio di una nuova sessione consiliare. I lavori d’Aula comprendono settantadue proposte deliberative e diciassette interrogazioni. Tra i provvedimenti da discutere figurano il regolamento per la gestione ed amministrazione dei beni demaniali e patrimoniali del Comune di Messina; il regolamento per l’uso condiviso dei beni comuni della città di Messina e dei beni sottoposti al principio di sussidiarietà civica; il regolamento attuativo per il bilancio partecipativo – partecipazione attiva dei cittadini ai processi decisionali dell’ente locale; il conferimento della cittadinanza onoraria al Rettore maggiore dei Salesiani, Angel Fernandez Artime; il regolamento comunale per l’autorizzazione all’installazione e all’esercizio di impianti per radiotelecomunicazioni; l’approvazione del regolamento per l’assegnazione e la gestione degli orti urbani e periurbani a coltivazione biologica; il regolamento comunale per l’esecuzione di interventi nel sottosuolo stradale di proprietà o di uso pubblico; i bilanci consuntivi degli esercizi finanziari 2012, 2013, quello rimodulato del 2014 e di previsione degli esercizi finanziari 2013 e 2014 dell’ATM; il regolamento per il verde urbano di Messina; il regolamento comunale attuativo della normativa per il riconoscimento dell’albergo diffuso; il regolamento di disciplina del funzionamento del Consiglio comunale; l’affidamento “in house providing” alla società per azioni in house a totale capitale pubblico “Messina Servizi Bene Comune” spa con socio pubblico locale unico Comune di Messina dei servizi connessi alla gestione integrata dei rifiuti di cui al piano di intervento A.R.O “Comune di Messina”; modifica e integrazione del vigente Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) con l’inserimento di ulteriori aree pedonali confinanti con l’area pedonale Cairoli; la gestione in house del servizio idrico integrato ai sensi dell’art. 7 commi 9 e 10 della Legge Regionale n. 19 dell’11 agosto 2015 “Disciplina in materia di risorse idriche”; variante parziale ambientale al vigente P.R.G. della città di Messina; la delibera di indirizzo sull’ecomuseo diffuso della città dello Stretto Messenion; e la proposta di regolamento per l’esercizio dell’arte della strada nel Comune di Messina. Alcune delle diciassette interrogazioni interessano il bando AMAM – pubblicata la graduatoria degli idonei; la gestione della società AMAM; le attività svolte nei confronti delle partecipate; la nuova condotta idrica fra Tono e Mortelle – lavori fermi; la sicurezza della sesta circoscrizione; le mense scolastiche; l’ex Macello di via Santa Cecilia; l’appalto per la pubblica illuminazione; il recupero del chiosco di Piazza Cairoli; la modifica alla viabilità di via Catania; ed i permessi orari Legge n. 104.

N° 749 • 9 giugno 2017
LUNEDÌ 12 SI RINNOVERA’ LA TRADIZIONE DELL’OFFERTA DEL CERO VOTIVO ALLA MADONNA DI MONTALTO
Lunedì 12, alle ore 10.30, nel santuario della Madonna di Montalto, sarà celebrato il solenne Pontificale, in onore della protettrice speciale della città, presieduto da S. E. Monsignor Giovanni Accolla, vescovo di Messina, Lipari e Santa Lucia del Mela. Nel corso della cerimonia, per antica tradizione, il sindaco, Renato Accorinti, offrirà il Cero Votivo, secondo il decreto del Senato della Città, risalente al 1743. Al Pontificale seguirà sul sagrato del santuario, l’alzabandiera ed il tradizionale “volo della colomba” e, dopo la Santa Messa delle ore 18, si svolgerà la processione della Venerata Immagine della Madonna di Montalto, con preghiera finale di benedizione della città. L’intervento della Madonna di Montalto – apparsa come una “Dama Bianca” – valse a salvare la città dall’assedio dei Saraceni e degli Angioini durante la guerra del Vespro del 1282. La notizia della prodigiosa apparizione della “colomba” sulla Caperrina è stata trasmessa da una pia tradizione. “Fra Nicola”, un eremita del Terz’Ordine di San Domenico, che viveva in una cella presso il Colle, aveva avuto una visione nel giugno del 1294, la Madonna, che era stata vista sulle mura della città in difesa dei messinesi durante l’assedio angioino, che gli ordinò di convocare i Maggiorenti perché si trovassero a mezzogiorno sulla spianata della Caperrina per indicare loro il sito dove i messinesi avrebbe dovuto costruire una chiesa, a Lei dedicata, con il titolo di Santa Maria dell’Alto. Non fu difficile per il frate convincere il vescovo, il Senato della città, il clero ed i cittadini, i quali, all’ora fissata, videro apparire sulla spianata del Colle della Caperrina una “bianca colomba” che, volando lentamente, designò il luogo per la costruzione della chiesa. La regina Costanza, informata, venne in corteo a porre la prima pietra. In meno di un anno il Santuario era, nelle linee essenziali, ultimato ed aperto al culto. Il 9 gennaio 1295 il Senato aveva affidato in custodia il Santuario alle Monache Cistercensi perché lo tenessero e lo possedessero per parte e a nome dell’Università. Il 31 ottobre 1302, il Notaio Gavido De Perpetto stipulò il contratto di donazione irrevocabile a Suor Giovanna, abadessa del Monastero del Santuario, con tutti i diritti e pertinenze. Dal 1612, per iniziativa dell’abadessa Suor Flavia Merullo, fu scelto il 12 giugno per la Festa, detta “della Colomba” per il “segno” promesso dalla Bianca Signora che chiese la costruzione del Santuario. Date memorabili rimangono la Vittoria di Lepanto, perché in Montalto si salì a pregare e si ritornò a ringraziare la Beata Vergine; la cessazione della peste del 1743, dopo le accorate preghiere qui elevate alla Vergine; la ricostruzione di Messina dopo il terremoto del 1908, per la Baracca – Santuario regalata da S. Pio X quale “segno “propiziatorio” posto per la corale preghiera dei messinesi con Maria alla Divina Provvidenza. Il colle della Caperrina è diventato il centro della devozione mariana più importante per Messina e Diocesi. Lo storico orologio del Campanile del Duomo rievoca il prodigioso evento alla memoria della città e dei turisti, con una raffigurazione nella terza finestra (dal basso) nella quale, dalla roccia, sorge la chiesa di Montalto.


----------------------------------------------------------

Comunicati stampa di mercoledì 7 giugno 2017

N° 735 • 7 giugno 2017
APPROVATO IERI DALLA GIUNTA MUNICIPALE IL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE (PEC)
La Giunta municipale, presieduta dal sindaco, Renato Accorinti, dopo avere seguito con attenzione l’illustrazione del nuovo Piano Comunale di Protezione Civile – Piano di Emergenza Comunale (PEC) in attuazione alle nuove linee guida nazionali e regionali in materia di Protezione Civile, redatto dall’esperto comunale, Antonio Rizzo, in collaborazione con il geologo, Paolo Pino, ha espresso soddisfazione sul puntuale e completo lavoro svolto per l’aggiornamento del piano secondo tutti i rischi presenti sul territorio comunale e le recenti linee guida, esprimendo parere favorevole sul Piano. Alla seduta di ieri hanno partecipato, tra gli altri, l’assessore alla Protezione Civile, Sebastiano Pino, il segretario generale, Antonio Le Donne, e il dirigente del dipartimento di Protezione Civile, Antonio Cardia. Il Piano di Emergenza è costituito da 16 relazioni, 160 elaborati grafici e 34 allegati; in esso sono contenuti tutti i modelli di intervento sui rischi specifici e le procedure che dovranno essere utilizzate in situazioni di emergenza. Il Piano di Emergenza Comunale, presentato alle Circoscrizioni, nell’ambito della settimana della Sicurezza Messina Risk Sis.Ma. 2017”, ha già ricevuto il parere favorevole delle sei circoscrizioni ed ora si procederà alla votazione in Consiglio comunale al fine dell’ottenimento del parere finale come previsto dalla normativa vigente. Concluso l’iter approvativo, il Piano di Emergenza sarà divulgato alla popolazione attraverso un’articolata serie di iniziative (APP, opuscoli, video spot) anche nelle Circoscrizioni, miranti alla conoscenza delle norme di comportamento in caso di scenari di rischio e delle conseguenti aree di emergenza, del servizio di Allerta con Alert System e di INFO Sms. Inoltre è in fase di completamento l’installazione di circa 450 cartelli informativi sul rischio idrogeologico, sismico e maremoto.
N° 734 • 7 giugno 2017
IL BILANCIO DEMOGRAFICO 2016 REALIZZATO DAL DIPARTIMENTO STATISTICA
Il servizio Statistica del Dipartimento comunale Servizi al Cittadino ha elaborato il bilancio demografico per il 2016. Il report, realizzato in collaborazione con il prof. Marcantonio Caltabiano, docente di Demografica dell’Università degli Studi di Messina, contiene i principali dati demografici della città relativi al 31 dicembre 2016 ed un approfondimento sugli scenari demografici del prossimo decennio. Il rapporto evidenzia che “a Messina, al 31 dicembre 2016, la popolazione calcolata Istat risulta essere pari a 236.962 abitanti, di cui 113.542 maschi e 123.420 femmine, in costante decremento, -1.477 abitanti (0,6%) rispetto al 2015 e -5.305 unità (-2,2%) negli ultimi 5 anni. Il trend decrescente, lievemente più contenuto rispetto all’anno precedente, è attribuibile a vari fattori quali il saldo migratorio (-710) e il saldo naturale negativo (-767). I nati nel corso del 2016 sono stati 1.738 (-2,5% rispetto all’anno precedente), mentre sono 2.505 i decessi nel 2016 (-8,9% rispetto al 2015, in valore assoluto -245 morti). Lo scorso anno sono decedute ogni mese in media 208 persone. Cresce il tasso di emigrazione (13,80), ma anche quello di immigrazione (10,8). Si emigra poco verso l’estero (3%). I principali indicatori di struttura demografica confermano l’invecchiamento della popolazione della città. Nel 2016 ci sono 171 anziani ogni 100 giovani, la popolazione con età ≥65 anni rappresenta il 22,22% del totale e cresce il numero di ultracentenari, 126. I residenti stranieri sono 11.847, in leggera crescita rispetto all’anno precedente (+17 unità), pari al 5% della popolazione totale. Le comunità più presenti sono quella srilankese (3.996) e filippina (2.443), la prima in crescita e la seconda in diminuzione rispetto all’anno precedente. Nel 2016 sono stati celebrati 853 matrimoni, dato costante rispetto al 2015. Il 67% degli sposi ha scelto il rito religioso in leggera diminuzione rispetto all’anno precedente (68%). Tra i nuovi nati i nomi maggiormente attribuiti risultano per i maschietti sempre Francesco, Giuseppe e Andrea con quest’ultimo che ha superato Giuseppe rispetto al 2015, mentre Aurora e Sofia si sono scambiate le posizioni rispetto al 2015”.
N° 733 • 7 giugno 2017
PROROGATA A LUNEDÌ 26 LA SCADENZA PER LA PRESENTAZIONE DELLE ISTANZE DI ACCESSO AI BENEFICI PER I DISABILI GRAVISSIMI
E’ stato prorogato a lunedì 26 il termine per la presentazione della domanda per l’accesso ai benefici per i disabili gravissimi, di cui alla legge regionale n.4/2017 ed al D.P. 532/2017, modificato con D.P. 545/17. Per persone in condizione di disabilità gravissima si intendono quelle beneficiarie dell’indennità di accompagnamento, di cui alla legge n. 18/1980, o comunque definite non autosufficienti ai sensi dell’allegato 3 del D.P.C.M. n. 159/2013. I diretti interessati, o loro rappresentanti legali, dovranno presentare un’istanza, reperibile sul link “Avvisi” del sito internet del Comune, corredandola di certificazione medica attestante la patologia di cui all’art. 3 del D.M. 26/09/2016. I soggetti istanti saranno valutati dalle Unità di Valutazione Multidimensionali dell’Azienda Sanitaria Provinciale, che dovranno certificare la sussistenza delle condizioni di disabilità individuate nel decreto ministeriale. Coloro che risulteranno idonei, potranno ricevere un trasferimento monetario diretto da utilizzare esclusivamente per i servizi di assistenza domiciliare. La domanda può essere ritirata e presentata al Dipartimento Politiche Sociali – Palazzo Satellite – Piano terra – Ufficio Protocollo, lunedì, mercoledì e venerdì, dalle ore 9 alle 12, e martedì e giovedì, dalle 15 alle 16.30.
N° 732 • 7 giugno 2017
LUNEDI’ 12 NUOVA SESSIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE
Lunedì 12, alle ore 11, il Consiglio comunale tornerà a riunirsi per l’avvio di una nuova sessione consiliare. I lavori d’Aula comprendono settantadue proposte deliberative e diciassette interrogazioni. Tra i provvedimenti da discutere figurano il regolamento per la gestione ed amministrazione dei beni demaniali e patrimoniali del Comune di Messina; il regolamento per l’uso condiviso dei beni comuni della città di Messina e dei beni sottoposti al principio di sussidiarietà civica; il regolamento attuativo per il bilancio partecipativo – partecipazione attiva dei cittadini ai processi decisionali dell’ente locale; il conferimento della cittadinanza onoraria al Rettore maggiore dei Salesiani, Angel Fernandez Artime; il regolamento comunale per l’autorizzazione all’installazione e all’esercizio di impianti per radiotelecomunicazioni; l’approvazione del regolamento per l’assegnazione e la gestione degli orti urbani e periurbani a coltivazione biologica; il regolamento comunale per l’esecuzione di interventi nel sottosuolo stradale di proprietà o di uso pubblico; i bilanci consuntivi degli esercizi finanziari 2012, 2013, quello rimodulato del 2014 e di previsione degli esercizi finanziari 2013 e 2014 dell’ATM; il regolamento per il verde urbano di Messina; il regolamento comunale attuativo della normativa per il riconoscimento dell’albergo diffuso; il regolamento di disciplina del funzionamento del Consiglio comunale; l’affidamento “in house providing” alla società per azioni in house a totale capitale pubblico “Messina Servizi Bene Comune” spa con socio pubblico locale unico Comune di Messina dei servizi connessi alla gestione integrata dei rifiuti di cui al piano di intervento A.R.O “Comune di Messina”; modifica e integrazione del vigente Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) con l’inserimento di ulteriori aree pedonali confinanti con l’area pedonale Cairoli; la gestione in house del servizio idrico integrato ai sensi dell’art. 7 commi 9 e 10 della Legge Regionale n. 19 dell’11 agosto 2015 “Disciplina in materia di risorse idriche”; variante parziale ambientale al vigente P.R.G. della città di Messina; la delibera di indirizzo sull’ecomuseo diffuso della città dello Stretto Messenion; e la proposta di regolamento per l’esercizio dell’arte della strada nel Comune di Messina. Alcune delle diciassette interrogazioni interessano il bando AMAM – pubblicata la graduatoria degli idonei; la gestione della società AMAM; le attività svolte nei confronti delle partecipate; la nuova condotta idrica fra Tono e Mortelle – lavori fermi; la sicurezza della sesta circoscrizione; le mense scolastiche; l’ex Macello di via Santa Cecilia; l’appalto per la pubblica illuminazione; il recupero del chiosco di Piazza Cairoli; la modifica alla viabilità di via Catania; ed i permessi orari Legge n. 104.
N° 731 • 7 giugno 2017
INTERDIZIONE A BUS E TRENINI TURISTICI NELLO SLARGO CANNIZZARO PER ”BMW MOTORRAD TOUR 2017”
In occasione del ”BMW Motorrad Tour 2017”, sabato 10 e domenica 11 sarà interdetto l’accesso a bus e trenini turistici nello slargo Tommaso Cannizzaro, solitamente riservato alla sosta di tali veicoli. Autobus e trenini effettueranno la fermata negli appositi spazi di via Garibaldi presso la chiesa di Santa Caterina. La disposizione è stata adottata per consentire l’esposizione di otto motoveicoli della casa produttrice.

 

 

 

 
Clan degli Attori il nuovo teatro e scuola di recitazione al centro della città
AddThis Social Bookmark Button

Grazie all’Associazione Culturale “Clan degli Attori” fondata da Giovanni Maria Currò e Mauro Failla, a Messina non più solo scuola di danza ma anche laboratorio di avviamento alla recitazione, laboratorio di teatro per bambini dai 5 ai 10 anni e laboratorio per ragazzi al di sopra dei 10 anni e Teatro.

L’associazione che già da oltre cinque anni effettua laboratorio  ha trovato e creato un nuovo spazio teatro con circa settanta posti a sedere inserendo una vera e propria scuola di avviamento alla recitazione in via Trento n°4 angolo via Industriale alle spalle della via La Farina.

Ci sono voluti più di quattro mesi di intenso lavoro e sacrifici personali per riqualificare lo spazio interno a piano terra che si avvale di uno staff di esperti professionisti  come  Eleonora Bovo, Cristina e Giuseppe Capodicasa e Gerardo Fiorenzano per effettuare laboratori per varie fasce di età oltre ai fondatori Currò e Failla.

L'intervista di Marcella Rugeri di Antenna Mediteraneo

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 3
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.