(07/08/18) AGOSTO MESSINESE 2018

  IL CALENDARIO DEGLI APPUNTAMNENTI DELL’AGOSTO ME...
Leggi tutto...

(03/08/18) Il botto

  di Paolo Ullo La scusa magna, suprema, per rinunci...
Leggi tutto...

(15/07/18) Sulle rive dello stretto

alba4 Hai mai udito il silenzio? Vieni sulle rive dello ...
Leggi tutto...

(13/07/18) Il Festino di Santa Rosalia a Palermo

Il Festino di Santa Rosalia (u fistinu in siciliano) si ...
Leggi tutto...

La fontana dell'Acquario detta Innaru

In origine chiudeva scenograficamente lo slargo creato dalla confluenza della via Monasteri (oggi 24 Maggio) con la via Uccellatore (attuale corso Cavour). Di autore anonimo, secondo alcuni studiosi sarebbe stata scolpita da Rinaldo Bonanno allievo del grande Montorsoli e collocata in sito nel 1602. Rappresenta un putto acquaiolo seduto sul globo celeste fasciato dai segni zodiacali, sostenuto da un basamento sul quale si trovano quattro mascheroni idrofori.

E’ popolarmente intesa come fontana “Gennaro” (“Innaru”) poiché sembra che questo nome derivi dal dio latino Giano a cui era stato dedicato un tempio nelle immediate vicinanze.

Successivamente, nella cortina muraria difensiva medievale, fu inserita una porta d’accesso che prese il nome di “porta di Giano”.

Nel 2015 è stata restaurata a spese interamente sostenute, sul piano finanziario, dal Club Service Lions Messina Host presieduto dalla dottoressa Barbara Galletti, che ha voluto dimostrare che anche i privati possono aiutare Messina a migliorare.


copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.