(24/05/18) Il ritorno della "Maniedda"

OMAGGIO ALLA STORIA DI SANTO STEFANO DI BRIGA Il “Rit...
Leggi tutto...

(24/05/18) L’acqua è di tutti e guai a chi la tocca.

di Paolo Ullo Senza dover andare lontano, basta spulcia...
Leggi tutto...

(24/05/18) Centenario dell'Acquedotto Civico di Messina

a cura di Paolo Ullo Le opere acquedottistiche, realizzate...
Leggi tutto...

(16/05/18) 'A banniata

banniata ‘A banniata o ‘A vanniata – La strillata ca...
Leggi tutto...

Nasce dal versante meridionale dei monti  Nebrodi vicino Floresta;  ha un corso di oltre 48 Km. che attraversa e separa la provincia di Messina con quella di Catania e dopo aver costeggiato le pendici settentrionali dell'Etna, sfocia nel mare Ionio a Sud di Capo Schisò. Le  acque vengono sfruttate per la produzione di energia elettrica,  per arricchire l'acquedotto di Messina ed altri centri della stessa provincia.Il fiume, le cui acque sono gelide anche d'estate, si può percorrere a piedi, a nuoto o in canoa, ma si sconsiglia di avventurarsi all'interno da soli, specialmente,  se non si sa nuotare. La bellezza e la maestosità delle sue gole, larghe 5 metri,  rendono il fiume ancora più arcano presentando tratti di immisurabile  bellezza. 

Fotografie di Giuseppe Papa


copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.