A Pasca antica

vda_8b5014b3_4e01d6d61daf_13139f647783-768x510.jpg 

  • Quannu sunava a Gloria

    a l'unnici spaccati,

    cu bagghiola i lignu,

    cu bàvini e pignati

     currìumu pi mari

     a gghìnchiri acqua salata.

     Nta tutti i cantuneri

    si binidicìa a casa e poi:

     "Nniu nniu nnau,

    la gloria sunau,

    la cuddura si spizzau,

     si spizzau a milli mmossa

    la cuddura senza ossa".

    Nni facìumu a cruci

    isannu l'occhi ó celu.

    Sunàunu i papuri,

    sparava San Sabbaturi.

    Supra dà buffetta

    cc'era lu sciusceddu,

    quattru mmuccapasticci,

    un piattu i suppissata.

    Gesù sacramintatu

    era risuscitatu,

    lassannu na balata,

    na benna nzanguliata

    e ddu sbirri allatu

    cu l'ànimu scasatu.

Maria Costa

La Pasqua antica

Quando suonava il Gloria / alle undici in punto, / con secchi di legno, / con concoline e pentole / correvamo verso mare / a riempirli di acqua salata. / In tutti gli angoli / si benediva la casa e poi: / " Nniu nniu rmau, / la Gloria è suonata, / la ciambella si è spezzata, / si è frantumata in mille pezzettini la ciambella senza ossa". // Ci facevamo la croce / alzando gli occhi al cielo. / Suonavano i vapori, / sparava San Salvatore. / Sulla tavola / c'era il "ciusceddu", / quattro triglie barbone, / un piatto di soppressala. // Gesù sacramentato / era risorto / lasciando un coperchio di pietra, / una benda imbrattata di sangue / e due sbirri ai lati / col cuore smarrito.

 

Menu Video

Gallerie Fotografiche

Il Santo del giorno

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire