Maria Costa

costa_maria21.jpg

 

Maria Costa, messinese, trae dal rione delle Case Basse, dove è nata e dove ha vissuto, la linfa con cui motiva la sua scrittura. Il dialetto della sua gente è per lei l'unico vero cibo della sua anima, lo strumento che le consente di accostarsi alle radici dell'esperienza umana e di trasmetterne l'essenza senza disperdersi.

Coltivava con uguale interesse la poesia e la narrativa.

Ha pubblicato: Farfalle serali (1978), Mosaico (1980), 'A prova 'i/l'ou (1989) e Cavaddu 'i coppi i 1993). Le ultime due opere sono uscite presso la Pungitopo di Marina di Patti ( Messina).

La Messina di Maria Costa è una realtà calata in una trama di umori, credenze, usi dai connotati inconfondibili. Della "sua" città, più che i fasti rinchiusi negli archivi della macrostoria, a lei interessa la realtà dagli esigui orizzonti entro i quali i protagonisti della "piccola storia" consumano la loro esistenza.

Nella sua scrittura non c'è nulla di intel­lettualistico o di astratto. Si prenda, ad esempio, il mare, una categoria che la Costa declina con un ampio registro di toni. Per lei il mare è tante cose messe insieme: paesaggio che dà il senso dell'esistere, scrigno che custodisce le vicende del tempo, mistero a cui gli uomini dello Stretto affidano le loro ansie e le loro speranze, cultura da cui i comportamenti delle genti dello Stretto emergono attraverso elementi primi­geni, datori e mantenitori di vita.

Luntri, buzzetti, filùi, traffineri, mattuà, affi -arnesi con i quali i pescatori della Riviera hanno sfidato in ogni tempo le forze della natura per assoggettarle alle loro ragioni di vita - sono oggetti appar­tenenti ad un mondo in cui non c'è nulla di fittizio: non amuleti ai quali ci si debba affidare per scampare alla negati­vità dell'esistenza, ma testimonianze di vita che la scrittrice ama cogliere nelle loro ragioni di fondo e nei loro principi costitutivi.

Il suo nome è stato iscritto nel registro dei “Tesori Umani Viventi” dall’Unità Operativa XXVIII – Patrimonio UNESCO, Registro Eredità Immateriali della Regione Siciliana. La sua figura è stata anche celebrata dal regista messinese Fabio Schifilliti nel suggestivo cortometraggio “Come le onde”, il cui titolo suggerisce l’amore profondo della poetessa per il “suo” mare e la sua terra. Nei suoi versi cantava, in dialetto siciliano, le radici della sua città, Messina.

 

 

Menu Video

Gallerie Fotografiche

Il Santo del giorno

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire