Mari

di Maria Costa 

 

L’acqua salata

l’hàiu ntê vini:

cchiù m’alluntanu

e cchiù mi tratteni.

U mari m’ispira

dâ matina â sira,

poi quann’è notti

i favi su’ cotti.

 

Mare

L’acqua salata / ce l’ho nelle vene: / più m’allontano / e più mi trattiene. / Il mare m’ispira / dalla mattina alla sera, / poi quando è notte / le fave sono cotte 

 

Mari amaru,

mari duluri,

mari culuri,

mari parrari,

mari nnacari,

mari nniiari,

mari mari,

mari d’amuri

e di cosi amari. 

 

Mari amaro, / mare dolore, / mare colore, / mare parlare, / mare dondolare, / mare annegare, / mare mare, / mare d’amore / e di cose amare.

Stu mari

a voti schifiusu,

pû me palataru

è gustusu.

 

Questo mare / a volte schifoso, / per il mio palato / è gustoso

 

U mari

è u me manciari

e a pinna fazzu llianari.

Colapisci

u to regnu è u mari,

u mei u puitari.

 

Il mare / è il mio cibo / e la penna faccio divertire. / Colapesce / il tuo regno è il mare, / il mio il poetare.

 

Menu Video

Gallerie Fotografiche

Il Santo del giorno

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire