Na stiddha i mari

Cincu branchi e lenta arranchi o rinculi:

pari fatta cû cumpassu.

Cu mìlia branchiceddhi

scialusi e sciambrusi arrappi,

ricogghi u ta manciari cotiddianu.

Si’ tagghienti comu cozzu di cuteddhu

pi ghiàpriri cutugneddhi,

marancìculi e carapìnuli.

U to culuri giallinusu, russu pattuallu,

viddulinu, trucchinu e ginzianeddha

pari n’accubalenu marzolu

c’assumma dopu a burrasca

supra munti Cìccia.

Ô fundali spittàculu non cci nn’è uguali:

ti stitterri, nesci a freu, ti straviddichìi

all’umbra dî scogghi e mazzacani.

A natura ti sappi pittari e strapittari

pi mbillìri u tappitu persianu chi è u funnali,

campiunàriu di billizzi cilistiali.

E fra gemmi, brannuni e cosi rari

tu mi tuzzulìi, stiddha i mari.

Mi ricoddi un cettu Papòcchiu menzu llàcchiu

chi ti mpizzava fora a potta,

nsemi a na rattalora

mi non cci poti u malòcchiu.

 

Una stella di mare 

Cinque branche e lenta arranchi o rinculi: / sembri fatta col compasso. / Con migliaia di tentacoli / gioiosi e sventaglianti arranchi, / raccogli il tuo cibo quotidiano. / Sei tagliente come coltello affilato / per aprire mitili, ricci e penne nobili. / Il tuo colore giallognolo,

rosso arancia, / smeraldino, turchino e genzianella / sembra un arcobaleno marzolino / che emerge dopo la burrasca / sopra monte Ciccia. // Al fondale spettacolo non c’è uguale: / ti sotterri, riemergi, ti attorcigli

/ all’ombra degli scogli e pietrisco. / La natura ti seppe dipingere e affrescare / per abbellire il tappeto persiano che è il fondale, / campionario di bellezze celestiali. / E fra gemme, laminarie e cose rare / tu mi stuzzichi,

stella di mare. / Mi ricordi un certo “Papocchio” mezzo scemo / che ti appendeva sopra la porta / insieme con un grattugia / per stornare il malocchio.

Menu Video

Gallerie Fotografiche

Il Santo del giorno

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire