U quagghiu

 

Pasta-e-Fagioli-con-Le-Cotiche-Ricetta-Napoletana1.jpg

 

Quannu na vota si cucia a faciola,
me patri, prufissuri ‘nta na scola,
turnannu a menzujornu pi manciari,
sintennu u ciauru stava a sintinziari:

“Chiddu chi sta bugghiennu ‘nta pignata
avi a jessiri a me pietanza prelibata.
P’jessire peffetta ,e non mi sbagghiu,
chista faciola avi affari u quagghiu”

Si vulemu fari ‘n paraguni,
ogni nazzioni è comu ‘n pignatuni:
giustizia vera progresso ed onestà
sono il vero quaglio della società.

Invece oggi c’è violenza e corruzione,
delitti d’ogni sorta ed abbiezione.
Per le consorterie di gran fetenti
di quagghiu sinni vidi picca e nenti.

 

Italo Rappazzo

Menu Video

Gallerie Fotografiche

Il Santo del giorno

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire