Funtana Arena

'Nta 'sta funtana iò ti conuscia

mentri pigghiavi l'acqua e iò sunava,

iò ti vardai, e tu vardasti a mia

e l'acqua d'a funtana murmuri ava.

 

Iò sulu sacciu chiddu chi dicia,

e chiddu chi vulia e chi pinsava,

'sta funtanedda c'aspittava a tia

quannu l'intinni 'u suli tramuntava.

 

Iò, ancora, sulu tridicanni avia

e certu non pinsava chi m'amavi,

 tu eri picciridda comu a mia

e un buttuneddu 'i rosa assimigghiavi.

 

Mariuzza, chiamari ti sintia

e non m'u potti cchiù diminticari;

e l'haiu scrittu 'nta me' fantasia

'stu nomu chi li labbra fa mmiddari.

 

Eri 'na cosa rara e iò t'amai

comu a' dd'età amari si putia

e tutti li sirati t'aspittai,

picchì assai beni ti vulia.

 

Quanti nuttati duci chi passava,

ch'ì stiddi e cu la luna 'ncumpagnia,

sutta la to'  finestra e ti cantava

ogni canzuna chi ti piacia.

 

Leopoldo Siricio 

Menu Video

Gallerie Fotografiche

Il Santo del giorno

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire