'A Madunnuzza

di Filippo Scolareci

 

A menzu o mari c’è ’na Madunnuzza,

unni ‘na vota dda tiravunu la rizza.

Quannu lu Patreternu fici lu munnu,

lu vosi completari propriu finu in funnu.

 

E mentri disignava Missina cu pinnellu,

ci vosi ‘ncastunari ‘nu gran gioiellu.

Pigghiavu ‘na picca i terra e l’impastau

e cu tutta la massima attenzioni la stirau.

 

A misi propriu ritta in facci o portu,

e non niscivu pacciu pu trasportu.

Bastavu ca dissi, pi Maria lu postu è fattu,

pi magia, ci l’addussavu comu ‘nu mastru sartu.

 

A populaziuni missinisi subitu no capivu,

ma pianu pianu u cuntu si rinnivu.

E comu si a ddu miraculu di Diu fu spettatrici,

ci vosi sistimari a so bedda  Protettrici.

 

A misuru a ddu postu pi vaddari,

Missina, i so muntagni, u celu e lu mari.

A sistimaru intra a ‘na gran furtezza,

pi  rispicchiari megghiu la so putenza.

 

A fedi di stu populu è troppu forti,

pi sta Madonna chi salvau di la morti.

A chiamunu a “Madonna di la littra”,

 

ma lu so veru nomi è Maria,

è madri di Cristu e di tutta la genti pia.

 

Menu Video

Gallerie Fotografiche

Il Santo del giorno

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire