Lupu e Agneddu

lupoeagnello.jpg 

  • O stissu rusceddu,

    Ddi siti pigghiati,

    Lupu e agneddu

    Si furu truvati.

    Cchiù supra lupazzu biviva

    Agnidduzzu ccà sutta ristava.

    Quannu, ppi famazza

    Spintu a scaciuni

    Di sciarra, latrazzu

    Nisciu st’invenziuni:

    << Pirchì, lanutu manigoldu

    La me acqua stai ‘ntrubbulandu?>>

    A tali calunni

    Di ddu tracutanti,

    Agneddu rispunni

    Ccù cori trimanti:

    << Pirchì tu di ciò ti lamenti?

    Di ttia la vina è discinnenti.>>

    La perfida fiera,

    Vinciutu ppi forza

    Di bona maniera,

    L’ovinu rincalza:

    << Sei misati furu passati

    Di quannu assai mi sparlasti! >>

    << Non c’era ancora a stu munnu,

    o tempu chi stai muntuannu.>>

    Ribbatti u mischinu

    O gran Malantrinu,

    Chi ccù pripotenza

    Ci jetta sta lenza:

    << Allor fu certu un to’ antenatu

    Lu pecuru chi m’ha ‘nsultatu! >>

    E ‘nta lingua ancora

    Avia sta palora

    Chi ‘nton coppu

    U ‘nnimali sbranò.

    Ahi, chi morti crudeli e ingiusta,

    Miti pecureddu patisti!

    Di Fedru stu cuntu

    A nui ‘nn’è giuntu,

    Contru i prepotenti

    Di tutti li tempi,

    Chi ccù la ragiuni di forza

    E non ccù forza di ragiuni,

    Ccù mala crianza

    Si fannu ragiuni.

Menu Video

Gallerie Fotografiche

Il Santo del giorno

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire