(08/05/19) Un amarcord chiamato "Olimpia"

Il Cinema Olimpia di Egidio Bernava Erano  gli anni ...
Leggi tutto...

(01/05/19) 1 Maggio - Per non dimenticare "Portella della Ginestra"

  Renato Guttuso - Portella della Ginestra Dopo anni d...
Leggi tutto...

(25/04/19) Bergamo firma il protocollo che accomuna luoghi storicamente legati a Lepanto

Il porto di Lepanto Enzo Caruso (Responsabile Culturale d...
Leggi tutto...

(23/04/19) I "Ferry-boat" nello Stretto di Messina

  Recupero della nave traghetto Cariddi Prodotto a cur...
Leggi tutto...
'U Cavadduzzu e l'Omu Sabbaggiu"
AddThis Social Bookmark Button

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

 

E’ questo uno spettacolo pirotecnico di antica tradizione che si effettua a conclusione  di alcune Feste Patronali.

Consiste in una serie di giochi pirotecnici, coloratissimi, con due uomini all’interno di intelaiature di legno a forma equina e l’altra a rappresentare un “uomo selvaggio”, in un simbolico combattimento.

Mentre l’animale esegue una forma di danza, l’uomo cerca di tenerlo a bada e di addomesticarlo.

Tutta la figurazione è costellata dallo sparo di mortaretti e di fiaccole, collocate su ogni struttura.

La pantomima rituale simboleggia l’incontro dell’uomo con la natura, evidenziata con la lotta dei due personaggi e con la vittoria di chi resiste più a lungo alle cariche esplosive.
 


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.