(08/05/19) Un amarcord chiamato "Olimpia"

Il Cinema Olimpia di Egidio Bernava Erano  gli anni ...
Leggi tutto...

(01/05/19) 1 Maggio - Per non dimenticare "Portella della Ginestra"

  Renato Guttuso - Portella della Ginestra Dopo anni d...
Leggi tutto...

(25/04/19) Bergamo firma il protocollo che accomuna luoghi storicamente legati a Lepanto

Il porto di Lepanto Enzo Caruso (Responsabile Culturale d...
Leggi tutto...

(23/04/19) I "Ferry-boat" nello Stretto di Messina

  Recupero della nave traghetto Cariddi Prodotto a cur...
Leggi tutto...
Opificio Weigert
AddThis Social Bookmark Button

Giuseppe Weigert era un ingegnere tedesco giunto a Messina in seguito ai lavori per l’elettrificazione cittadina. Con Giovanni Pirrone, nel 1894, costituiva la ditta “Weigert & Pirrone” specializzata nella produzione di macchine idrauliche, agricole e industriali. In seguito fondava lo stabilimento meccanico “Weigert, Pirrone & Racanelli”.

L’opificio con annessa fonderia, di cui non rimane più traccia, sorgeva a Tremestieri e produceva anche i piedistalli dei lampioni per la pubblica illuminazione e vari manufatti in ferro battuto. A Messina in particolare, a testimoniare di questa feconda attività, rimangono fra gli altri i balconi in ferro battuto in via Romagnosi, corso Cavour e via I Settembre, i pali di pubblica illuminazione davanti al Palazzo Municipale e alla Cattedrale e la croce in ferro battuto sulla cuspide della facciata del Duomo.


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.