Messinaierieoggi.it www.messinaierieoggi.it

Nùvula e Nuvulina

Nùvula e Nuvulina

na bedda matina

vulannu supra mari

si mìsinu a parrari.

A matri bracca bracca

era ngravidata d’acqua;

u stissu era a fìgghia

e facìunu parìgghia

Vaddannu a campagna

viddògnula e siccagna:

“Iò nnàffiu a pratulina “

dicìa Nuvulina;

“È ciuri i primavera

chi tremulìa câ sfera”.

“Tu non nnaffi nenti:

pìgghia i me nzignamenti”

dicìa so matri saggia

“si no u celu s’arràggia”.

Nùvula ntô vulari

cci mmustràu a Ntinnammari:

“A vidi dda vallata?

È cosa ntrisurata;

a natura è sabbàggia,

ma sempri, sempri saggia”.

 

Nuvulina parò nzistìa:

a matri era in mustrìa;

avìa u ciatu â bucca,

llagnusa comu cucca.

E poi fu luna china

e l’unna era aggintina,

e l’àbbiri assunnati

ciuciuliàunu biati.

Non c’era bava i ventu

pi tuttu u fimmamentu.

Tra stiddi e chiaranzani

Nuvola cci desi a mani.

E pi tutta a nuttata

chi cosa i passiata!

Dapoi na schizziata

e muddàru ndilicata.

E poi quannu bbriscìu

s’inchinàru a Diu.

 

Nuvola e Nuvolina

 

Nuvola e Nuvolina / una bella mattina / volando sopra mare / si misero a parlare. // La madre quatta quatta / era pregna d’acqua; / ugualmente la figlia / e facevano pariglia. // Guardando la campagna / verdognola e seccagna: / “Io annaffio la pratolina” / diceva Nuvolina; // “È fiore di primavera / che trema con la sfera”. // “ Tu non annaffi nulla: / prendi i miei insegnamenti” // diceva la madre saggia / “ altrimenti il cielo s’arrabbia”. / Nuvola nel volare / le mostrò Dinnammare: // “ La vedi quella vallata? / È cosa preziosa; / la natura è selvaggia, / ma sempre, sempre saggia”.
Nuvolina però insisteva: / la madre era malinconica: / aveva il fiato alla bocca, / lagnosa come civetta. // E poi fu luna piena / e l’onda era argentina, / e gli alberi assonnati / mormoravano beati. // Non c’era alito 
di vento / per tutto il firmamento. / Tra stelle e pleniluni. / Nuvola le diede la mano. // E per tutta la notte / che passeggiata! / Poi una pioggerella e mollarono delicatamente. // E poi quando albeggiò / s’inchinarono a Dio.

 

 

Menu Video

Gallerie Fotografiche

Pubblicità

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire