(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
Funtana Arena
AddThis Social Bookmark Button

 

 

'Nta 'sta funtana iò ti conuscia

mentri pigghiavi l'acqua e iò sunava,

iò ti vardai, e tu vardasti a mia

e l'acqua d'a funtana murmuriava.

 

Iò sulu sacciu chiddu chi dicia,

e chiddu chi vulia e chi pinsava,

'sta funtanedda c'aspittava a tia

quannu l'intinni 'u suli tramuntava.

 

Iò, ancora, sulu tridicanni avia

e certu non pinsava chi m'amavi,

 tu eri picciridda comu a mia

e un buttuneddu 'i rosa assimigghiavi.

 

Mariuzza, chiamari ti sintia

e non m'u potti cchiù diminticari;

e l'haiu scrittu 'nta me' fantasia

'stu nomu chi li labbra fa mmiddari.

 

Eri 'na cosa rara e iò t'amai

comu a' dd'età amari si putia

e tutti li sirati t'aspittai,

picchì assai beni ti vulia.

 

Quanti nuttati duci chi passava,

ch'ì stiddi e cu la luna 'ncumpagnia,

sutta la to'  finestra e ti cantava

ogni canzuna chi ti piacia.

 

Arreti la vitrata iò vidia

'na fata chi la luna inargintava,

e lu curuzzu me' cchiù non riggià:

pi' la gran gioia 'terra non pusava.

 

Vinni l'invernu e pi' svintura mia,

iò non vitti cchiù, sulu ristai,

cu 'dda funtana chi sempri chiancia,

e 'nzemi a idda puru lacrimai.

 

"Maria"' 'nto so' chiantu muntuava

e di la pena paci non avia,

comu 'na matricedda ti chiamava,

ma sulamenti l'ecu rispunnia.

 

'Na sira iò ci dissi: funtanedda,

m'u dici tu chi cosa succidiu?

Unn'è chi sinn'annau  la me bedda

chi avi tantu tempu chi non viu?

 

Mi rispunniu: varda 'dda stidduzza

è picciridda e porta sempri un velu,

di la to' bedda esti l'animuzza,

c'u Signuruzzu s'à chiamau 'ncelu.

 

Vardai 'dda stidda e 'nta me' fantasia

vitti 'na finistredda senza ciuri,

non c'era nuddu c'aspittava a mia,

era finutu lu me' primu amuri.  

 

Leopoldo Siricio

 


 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.